Festival / Quando le Traiettorie portano a Murail e a Rihm…

Da qualche giorno è in corso anche “Traiettorie 09″, il festival di contemporanea che si svolge in quel di Parma; direttore artistico Martino Traversa. Fino al 27 di ottobre si avrà la possibilità di assistere al lavoro di diversi autori ed interpreti dediti al genere. Per chi non abita in zona e magari decide di sfare una scappata almeno per un giorno, non sarebbe male avere qualche breve indicazione. O una scelta. Vediamo… Lunedì 28 settembre, per cominciare, c’è Alfonso Alberti, intreprete che vale la pena seguire non solo per le sue qualità allo strumento – esegue regolarmente recital in Europa […]

  

Emergenti / Pestalozza: “Occhio a Widmann e Schoellhorn”

  Cambio della guardia. Dopo il trasversale MiTo ora tocca a MilanoMusica. «Il nostro è un festival dedicato alla contemporanea colta – spiega il direttore artistico Andrea Pestalozza -. I brani classici che vi si trovano fungono da collegamento storico». Il sipario della partenza si alza alle 20.30 di giovedì 24 settembre, alla Scala: gran parte del concerto diretto da Tetsuji Honna ed eseguito dalla Filarmonica con l’arpista Naoko Yoshino, prevede le pagine di due «star» delle manifestazioni autunnali: Toshio Hosokawa (con «Re-turning») e Toru Takemitsu (con «Winter» e «Twill by Uwilight»). «Il primo in un certo senso è la […]

  

MiTo / C’era una volta l’Etnomusicologia, quasi una chimera

  C’è una contemporaneità che dà valore, recupera, difende, dialoga e si nutre anche dei patrimoni del passato, delle tradizioni. “Sono fortemente minacciate, certe addirittura in via di estinzione…”, da qualche tempo asserisce Toshio Hosokawa, compositore giapponese del nostro tempo quest’anno al centro del focus del festival MiTo. Il “pessimismo” di Hosokawa non è poi così campato in aria, per la cultura musicale moderna, in generale la cultura: per molti è con la “C” maiuscola solo quando è di produzione occidentale (Europa e America). Il resto? “E’ considerato passato, tradizione, folclore…”. Se ne è parlato sabato 19 settembre alla Galleria d’Arte Moderna […]

  

Keiji Haino / La catarsi zen e il “rumorismo giapponese”

Già, il rumorismo, o in francese “bruitisme”… Modi per definire l’arte dei rumori, una forma che la storia moderna vuole inventata nei primi anni del secolo scorso. Gli appassionati ricorderanno: il pioniere italiano Luigi Russolo…; le nuove concezioni interessarono diversi compositori durante e dopo; prendi Stravinsky e Varèse… Di acqua sotto i ponti da allora ne è passata e intorno (e con) al cosiddetto “rumorismo” in decenni e decenni si è fatto e detto di tutto. Dappertutto. E in Oriente? Gli esempi non mancano. MitoSettembreMusica 2009, in collaborazione col Traffic Free Festival, porta a Torino un personaggio che è in campo da circa quarant’anni. Un […]

  

Compositori / Manzoni e le “follie” di Artaud

Una bella occasione per il pubblico. Quella di ascoltare la musica di Giacomo Manzoni, 77 anni. Omaggio del festival MiTo 2009 a uno dei padri della contemporanea italiana. Ultimo riconoscimento: il Leone d’oro per la carriera conferitogli dalla Biennale Musica di Venezia dell’era Francesconi. L’appuntamento è per sabato 12 settembre a Milano, all’Auditorium di Largo Mahler: sul palcoscenico saliranno l’orchestra Verdi diretta da Arturo Tamayo, il soprano Ada Caiello e l’attore Sandro Lombardi. Maestro, in cartellone tre suoi lavori nati in periodi diversi, «“Insiemi“» del 1967, «Moi Antonin A.» del 1997 e «Progetto Eliogabolo» del 2007: in oltre trenta anni che cosa è […]

  

Studio Fonologia Rai / Inediti di Sciarrino: la pista porta a Roma

C’era una volta lo Studio di Fonologia Rai, correvano gli anni Cinquanta. Un avamposto molto avanzato della cultura, visti i decenni successivi, non solo di quel periodo. Lo frequantavano personaggi del calibro di Luigi Nono, Bruno Maderna e Luciano Berio. Si conducevano sperimentazioni sul suono, sulla musica elettronica, si inventavano e studiavano nuove tecnologie audio. Un luogo di pionieri, al pari degli studi analoghi aperti in Francia, Germania e Stati Uniti. Per l’Italia un fiore all’occhiello. Naturalmente al principio degli anni Ottanta, è stato chiuso… Tra i vari che ci lavoravano anche il compositore Salvatore Sciarrino, che l’altro giorno era alla presentazione del libro “Lo […]

  

MiTo / Del Corno: “Ecco cosa c’è nel cervello del carnefice…”

  “Quando ho letto quel libro l’ho ritenuto subito interessante, assai coinvolgente, tanto per la tematica affrontata quanto per il modo di rappresentarla. Ho pensato che avrei voluto lavorarci sopra, per realizzare un testo musicale…”. A parlare è Filippo Del Corno, 39 anni, compositore milanese. Mercoledì 9 settembre al teatro Franco Parenti di Milano, nell’ambito di SettembreMusica 2009, dalle ore 21 verrà portato in scena “Io Hitler”, azione di teatro musicale tratta da un testo dello scrittore Giuseppe Genna. Direttore: Carlo Boccadoro, ensemble di sette elementi; Francesco Frongia regista.  Parliamo dell’incontro col lavoro letterario di Giuseppe Genna… “Mi ha colpito dall’inizio per il rovesciamento dei significati […]

  

Stresa / Portera: “La mia musica? Geometrie e mondi tribali”

“La mio lavoro? E’ l’esito di una ricerca di tipo antropologio che sto conducendo. Una mescolanza di folk, musica antica ed etnica. A questo si aggiunge un’indagine acustica di tipo sperimentale. Suoni nati dagli armonici naturali, un timbro tribale…”. Andrea Portera, 36 anni, in estrema sintesi e semplificazione racconta “Tre forme: linea-cerchio-ettagono“, il brano con cui ha vinto il concorso dell’edizione 2009 del Festival Stresa (l’esecuzione è prevista per giovedì 3 settembre – sul podio Gianandrea Noseda che dirigerà la BBC Philarmonic Orchestra). Fascino e suggestioni della geometria, che cosa mai si cela dietro a un titolo così “euclideo”… “La […]

  

il Blog di Luca Pavanel © 2018