Compositori / Ullmann alle prese con Rilke

Due compositori alle prese contemporaneamente, o quasi, con le parole di Rainer Maria Rilke. Storia di coincidenze, forse junghiane, storie d’avanguardia del secolo scorso. Un momento, siamo negli anni Quaranta, in cui Viktor Ullmann e Frank Martin, il primo in una sitazione drammatica, il secondo nella sua casa in Svizzera, lavorarono in musica su testi del poeta e scrittore austriaco. Ullmann era internato nel campo di concentramento di Theresinstadt: a pochi mesi dalla morte nel lager di Auschwitz, databile 1944, mise in musica dodici parti del ciclo per voce recitante e pianoforte. Nelle stesso periodo, il collega elvetico portò a termine un melologo […]

  

Lachenmann e Rihm / Due guru tedeschi da MiTo

Il conto alla rovescia è cominciato e, come ormai di consuetudine, il festival MiTo di Milano e Torino (http://www.mitosettembremusica.it/) i primi del prossimo mese prenderà il largo. Il direttore artistico della manifestazione, il musicologo Enzo Restagno, per la kermesse del 2010 ha deciso – per la sezione contemporanea – fra le altre cose interessanti di puntare su due Leoni d’oro della Biennale, entrambi tedeschi. Il primo, più anziano anagraficamente parlando, è Helmut Lachenmann, che ha ricevuto il massimo riconoscimento alla carriera alla manifestazione della Serenissima nell’anno 2008. L’altro, Wolfgang Rihm, si è aggiudicato la statuetta quest’anno, dove alla Biennale musica del capoluogo veneto sarà ospite d’onore […]

  

Mostre / Una casa tutta per Hendrix

Anche ai compositori del nostro tempo piace il rock, un genere che – con i suoi campioni – da quando è nato viene osservato anche dagli autori delle nuove generazioni. Tra i grandi che hanno fatto scuola e che per la loro proposta hanno rappresentato un punto di svolta di cui tener conto, ovviamente in testa Jimi Hendrix, il genio della chitarra elettrica morto il 18 settembre di quaranta anni or sono. Adesso Londra lo vuole ricordare con una mostra alla Handel House, piccola casa-museo di Mayfair dedicata al compositore classico, che si trova esattamente accanto alla casa dove Hendrix passò i suoi ultimi anni nella capitale […]

  

Storia / Il ritratto di Galina Ustvolskaja

   Galina Ustvolskaja, chi era costei? A ricordarcelo, recentemente, è stato il musicologo Enrico Raggi (a suo tempo critico del settimanale il Sabato con alle spalle diverse trasmissioni per Radio Vaticana, attualmente collaboratore della collana discografica “Spirto Gentil”, nonché articolista de Il Sussidiario.net. Bene, lo studioso ha pubblicato per la rivista online un interessante articolo sul suddetto personaggio, una donna nata a Pietrogrado nel 1919 e morta a San Pietroburgo nel 2006, una delle rare compositrici del suo tempo, rimasta nell’ombra sino alla fine dell’Unione sovietica. Allieva di Shostakovich, dal quale però assorbì assai poco dello stile, venne a trovarsi piuttosto isolata, anche nell’ambiente intellettuale […]

  

Biennale / Sound art, un Arsenale di idee

Lo spazio e il suono. Una relazione in ogni epoca indagata, studiata, utilizzata. Una interessante variazione sul tema si può ri-trovare in questo periodo in quel di Venezia. L’ambito è quello della Biennale Architettura 2010, dove Ram radioartemobile è stata invitata dall’Istituto Nazionale dell’Architettura a festeggiare i suoi cinquanta anni di storia con un progetto interamente rivolto alla Sound Art. L’esposizione in questione si trova nel suggestivo spazio dell’Arsenale e si intitola senza tanti giri di parole “Suoni dello spazio architettonico“. Tra gli espositori nomi di spicco del settore, quali Vito Acconci, Jimmie Durham, Alberto Garrutti; H.H.Lim; e ancora: Michelangelo Pistoletto e Annie […]

  

Biografie / D’Andrea e il profumo di swing

A far scorrere la mano sui tomi della biblioteca per una ri-lettura estiva può accadere di imbattersi in un “vecchio libro”. Un omaggio a un grande del nostro jazz, uno dei pianisti italiani più noti e apprezzati anche nel resto del mondo. Lui, al secolo Franco D’Andrea, non ha certo bisogno di presentazioni. Gli appassionati di jazz, e non solo loro, lo conoscono assai bene. Ma c’è da scommetterci che non una moltitudine è entrata in possesso di un libro che prima di tutto è un omaggio vero e proprio a questo musicista. Si tratta di “Profumo di swing“, 160 pagine in […]

  

Cine-jazz / Maresco racconta la vita del siciliano Tony Scott

  Fa piacere vedere che ogni tanto qualcuno si ricordi di far conoscere il mondo del jazz e i suoi personaggi, anche attraverso opere per il grande schermo. Già, il jazz. Al massimo ti puoi ritrovare con biografie su pellicola dedicate ai Parker, ai Davis, ai Coltrane (la classica è un po’ più popolata di corti e lunghi dedicati a compositori e interpreti). E invece ecco ora arrivare un lavoro sul clarinettista Tony Scott, grande jazzista del nostro tempo, scomparso nel 2007 all’età di 87 anni. Il regista che firma il film è il palermitano Franco Maresco e la pellicola ha […]

  

Schumann rivisitato / L’elettronico Bang e il lied moderno

  C’è un compositore elettronico norvegese che sta facendo parlare di sé. Anche qui in Italia. Si chiama Jan Bang, classe 1968, dj e produttore discografico, ha avuto un’idea piuttosto originale visto il suo genere e il suo campo d’azione, che con la musica classica c’entra davvero poco. Ultimamente si è cimentato con i celebri lied di Robert Schumann, a 200 anni dalla nascita del compositore tedesco; un’operazione che prende il titolo dell’incisione “And Poppies from Fandahar“, che lui ha realizzato con Arve Henriksen e Erik Honoré. Per questo musicista sono state diverse le collaborazioni avute dagli anni Ottanta in poi e con diverse personalità […]

  

il Blog di Luca Pavanel © 2018