Uno dei motivi per frequentare in questo periodo la “quattro giorni” dedicata al compositore Giacinto Scelsi (dal 9 al 12 novembre), che è stato uno dei grandi compositori del Novecento italiano (ri-scoperto dai più, nel passato al centro di dispute), sono gli appuntamenti in memoria di Heinz-Klaus Metzger (1932-2009), musicologo e critico tedesco di grande fama, tra i teorici della considdetta Neue Musik. L’appuntamento è per il 10 novembre presso il Goethe-Istitut Rom capitolino (per i dettagli: www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/incontri/heinz-klaus-metzeger-giornata). Un personaggio che sin dalla giovane età ha vissuto passo dopo passo l’evolversi della musica colta, accanto a compositori di prima grandezza, come per esempio, Karlheinz Stockhausen, di cui fu promotore acceso.

Metzger fu anche uno dei primi commentatori di John Cage e il portavoce del movimento di “anarchia compositiva”. E ancora, all’inizio degli anni Settanta è stato co-fondatore dell'”Ensemble Musica Negativa”. Per la sua attività, il critico ha ricevuto lauree honoris causa dalle Università delle Arti di Berlino e dalla Università di Palermo. Per l’iniziativa organizzata per omaggiare lo studioso mancato l’anno scorso, il cui titolo è “Musica senza fissa dimora – Per Heinz-Klaus Metzger a un anno dalla scomparsa” sono previsti interventi di: Gianmaria Borio, musicologo (Università di Cremona), Paolo Emilio Carapezza, musicologo (Università di Palermo), Hermann Danuser, musicologo, (Berlino), Daniela Tortora, musicologa, (Università La Sapienza, Roma) Albrecht Wellmer (filosofo, Berlino). Moderazione: Gianmario Borio. Ma non solo, per le testimonianze sono stati invitati: Gottfried Michael, Koenig Rainer Riehn, Nicola Sani , Alessandro Sbordoni e Dieter Schnebel.

In tutto questo guai saltare tutte le proposte musicali della kermesse dedicata a Scelsi. Le cui composizioni –  va ricordato – sono state sdoganate ormai appieno, tanto che il regista Martin Scorzese ne ha inserite alcune del suo ultimo film “Shutter Island“. Un evento non da poco, come importanti sono state alcune iniziative prese sul personaggio: vedi l’apertura della Fondazione Isabella Scelsi (che ha organizzato la manifestazione in essere titolata “Suono nel suono“).
In allegato: musiche del gruppo Potsa Lotsa (presente al festival)