Libri / Ross e Nyman: musiche da sfogliare

Il libro da non mancare in questo periodo – si trova negli scaffali già da qualche settimana – è l’ultimo del critico americano Alex Ross: dopo “Tutto il resto è rumore“, che ha fatto parlare parecchio dell’autore, contribuendo a farlo svelare al mondo come brillante penna della musicologia, ecco ora “Senti questo” (in Italia pubblicato da Bompiani, 558 pag). Un discreto tomo-viaggio intorno al pianeta-musica, versione “abbattiamo i muri”, una lettura global di come l’arte dei suoni nella sua bellezza sia più che trasversale. In barba ai fin troppo grevi a volte cantori delle avanguardie autoreferenziali. Da leggere, ben scritto, divertente. Fa […]

  

Scritto in Varie -
1 Commento »  

Biennale / “Musica, è tempo di mutazioni”

“Forse stiamo assistendo a una sorta di mutazione genetica della cultura occidentale, della nostra tradizione. Viviamo in un mondo che fa sembrare anacronistici non solo il pensiero, l’approfondimento e la fatica, ma anche la matita e la carta, la pratica e l’artigianato”. Parole di Luca Francesconi, direttore della Biennale Musica di Venezia, che è arrivata alla sua 55esima edizione. Già, l’evoluzione genetica… Il tema di quest’anno di una delle manifestazioni più importanti dedicate alla contemporaneità nella musica è proprio: la Mutazione. “La Biennale 2011 – spiega il compositore Francesconi – parla di mutanti, di qualcosa che finisce, per lo meno nella […]

  

Ricordo / Morelli, una vita per la musicologia

Musica e musicisti del Novecento europeo: si era impegnato anche su questo fronte. Ultimo addio per Giovanni Morelli (era nato a Faenza nel 1942) da decenni tra i punti di riferimento per gli studi musicologici italiani, docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia. La sua attività pubblicistica è stata lunga e ricca di titoli. Ha scritto e pubblicato diverse ricerche sul teatro musicale barocco veneziano e di storia della recezione dell’Opera, nonché di recente, sul neoclassicismo in musica. Ma molto in vita siè anche speso per indagare la personalità e le opere di alcuni autori del secolo scorso. Vedi i nomi di Luigi […]

  

Innovazioni / Rota “padrino” dei titoli sull’iPad

Spartiti addio? Mah, forse, tra qualche decennio. S’intendono quelli di carta, “incollati” al leggio, tenuti con mollette e affini, sorvegliati – è il caso di dirlo – a vista dall’esecutore perché se volevano via nel momento in cui l’opera musicale si fa più difficile, allora sono proprio guai: chi se le ricorda, magari, tutte quelle note, quelle pause…e a che velocità. meglio averli lì, a portata d’occhio. Già, spartito addio: un giorno forse, verranno sotituiti da letture su schermo. Intanto i primi a essere entrati nel mirino delle tecnologie sono i titoli, i sopratitoli dell’opera alla quale si assiste. La notizia arriva dritta dritta dal […]

  

Opere / Il Faust conquista anche Silvia

Parecchi compositori – e non solo loro – sono rimasti affascinati dal mito del Faust. L’ultimo della serie è Silvia Colasanti, 36 anni, che lunedì 11 luglio vedrà andare in scena il “Faust” che ha scritto – il testo rielaborato da Pessoa insieme al regista Francesco Frongia -: luogo dell’appuntamento Siena (al teatro dei Rinnovati, ore 21,15). L’opera è stata scritta per attore, soprano ed ensemble. Trattandosi  di un monumentale ma frammentario poema, noi abbiamo tratto diciotto scene della durata di pochi minuti ciascuna (l’opera dura un’ora e dieci minuti in tutto) che lanciano suggestioni raccontate dalla musica. Una musica complessa – chiarisce la Colasanti- […]

  

Mostre / L’immortalità di Cage secondo Masotti

Una mostra fotografica su John Cage. Una galleria da non perdere, sia per la statura del personaggio, sia per l’occhio che lo ha immortalato, ovvero il fotografo Roberto Masotti (“Begin anywhere – per cominciare là dove è iniziata la contemporaneità – presso O’ di via Pastrengo 12 a Milano; aperto da lunedì al venerdì dalle 12 alle 19 oppure su appuntamento). Il personaggio certamente non ha bisogno di presentazioni. Di lui si è scritto parecchio ma, ultimamente, grazie all’interesse e la buona volontà di alcuni editori, se ne ri-discute grazie a una serie di titoli nuovi su di lui e […]

  

Strumenti / Una rivoluzione chiamata Synket

Quale miglior modo per ricordare il critico musicale Landa Ketoff e l’ingegnere Paolo Ketoff, i coniugi che misero buona parte della loro vita al servizio della musica. Una giornata all’insegna del compositore Karlheinz Stockhausen (1928-2007) martedì 5 luglio presso i giardini romani della Filarmonica; un avvenimento reso possibile anche grazie al Crm – Centro Ricerche Musicali di Roma (http://www.romagiornoenotte.it/classica-e-danza/articoli/estate-romana-stockhausen-concerto-prima-mondiale-urantia-accademia-filarmonica-romana-5-luglio-2011-informazioni-biglietti.html). Il concerto è l’occasione – oltre che per ricordare la Ketoff, prestigiosa firma del quotidiano  “la Repubblica“, anche per ricordare la nascita del Synket, inventato dal marito Paolo: la sua “creatura” fu il primo sintetizzatore impiegato nel cinema e nella musica d’avanguardia. Cronologicamente parlando, è apparso un decennio prima del Minimoog (http://it.wikipedia.org/wiki/Minimoog). Il […]

  

Compositori / E ora in Salento torna Maggio

Un cervello fuggito all’estero “ritorna”. Dalla Finlandia. Andiamoci piano però: giusto e solo il tempo per presetare il suo lavoro. Se non altro perché a ispirarlo, in buona parte, è stato proprio la terra che ha voluto/dovuto lasciare. Stiamo parlando del giovane Francesco Maggio, classe 1986, nato in provincia di Lecce e allievo tra gli altri del conterraneo Ivan Fedele, dunque per chi conosce quest’ultimo – che è di fama mondiale – si può tranquillamente dire: una garanzia. Bene ma veniamo alla notizia. Maggio, che qualche anno fa se ne andato perché qui in Italia, dove da sempre o quasi la musica di ricerca a […]

  

il Blog di Luca Pavanel © 2018