Incontri / Da Rubalcaba a Rea, brindisi coi pianisti

Michael Camilo e Danilo Rea a Umbria Jazz Winter. Niente male, un bel replicare – sempre restando al top – dopo l’accoppiata Michel Camilo e Gonzalo Rubalcaba. Una serata speciale, quella del 29 dicembre con  questi due ultimi artisti. Hanno dimostrato tutte le particolarità del pianoforte che viene dal mondo Caribe. Di Santo Domingo il primo; di Cuba il secondo: in due  condividono una tecnica impeccabile, il bel suono e la conoscenza del linguaggio del jazz a livelli a dir poco eccellenti. Stando ai resoconti, Camilo ha aperto con un set di piano solo: il musicista, tra i due il più latino, è capace di […]

  

Storie da sfogliare / Viaggi in jazz, Rava racconta

Dalla storia del concerto fino al secolo Novecento, alla musica scritta ed eseguita nelle condizioni più estreme, durante la seconda guerra mondiale, passando per due opere dedicate al jazz. Verso un fine anno di letture, con la segnalazione di qualche titolo che può far piacere ai cultori delle musiche d’arte. Ecco quattro libri, di recente edizione, che si possono regalare, oppure regalarsi. Vediamo. La classica/contemporanea. C’era una volta il Concerto. L’ultimo tomo di Riccardo Viagrante illustra la storia del concerto partendo dalle sue origini, per approdare ai lavori di stampo novecentesco. L’opera pubblicata da Casa Musicale, non manca di fare […]

  

Generi / Lunga vita alla Kosmische musik

C’era una volta la Cosmic music, erano gli anni Sessanta. La Germania era uno dei Paesi più forti in questo genere. Se non il più forte. Anni Duemila, la Cosmic non è morta anzi rilancia, con una serie di date nel 2012 di uno dei gruppi storici e inossidabili, i Tangerine Dream. Ma facciamo un po’ di storia. Si tratta di un genere che all’epoca era sperimentale; famose anche formazioni come Ash Ra Tampel, Neu! e Kraftwerk. Il periodo in cui queste band agivano ha contribuito non poco alla nascita e all’evoluzione della musica elettronica, dell’ambiente music e musica alternativa New […]

  

Profili / Jazz alla genovese: Pozza si fa in tre

Un bel regalo che ci si può fare in questi giorni se si è a Genova o nei suoi paraggi o si ha voglia di spostarsi un po’, è quello di andare a vedere/sentire un concerto di Andrea Pozza e il suo trio. L’appuntamento è per martedì 20 dicembre al teatro Carlo Felice, dove il pianista, accompagnato da Aldo Zunino (contrabbasso), Shane Forbes (alla batteria), saranno al fianco della cantante Andrea Celeste. Pozza & Co, sono in pista già da qualche anno e con notevole consenso di pubblico. Il repertorio proposto è costituito da composizioni del leader alla tastiera e di […]

  

Tributi / Il meglio jazz per ricordare Monk

Ricordare uno dei geni del Ventesimo secolo. Un genio del jazz. Torna Umbria Jazz Winter a Orvieto. Dal 28 dicembre al giorno di Capodanno. Il filo rosso di questa edizione è la contaminazione tra i grandi nomi del latin jazz (Michel Camilo, Gonzalo Rubalcaba, Chano Dominguez) con alcuni tra i migliori esponenti del jazz italico (Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Danilo Rea). Atteso il duo tra Camilo-Rea: un altro progetto inedito di Umbria Jazz che dopo il grande successo del duo Corea-Bollani, registrato ad Orvieto ed uscito per la prestigiosa etichetta Ecm proprio quest’anno, propone al pubblico con Camilo e Rea […]

  

Dibattito / Quando l’orchestra diventa un modello

Dirigere un’orchestra? E’ come essere a capo di un’azienda. L’esperienza di chi tiene in mano una bacchetta può tornare utile al mondo dei manager e dell’organizzazione sociale. E, naturalmente, il contrario. A entrare nell’argomento, il direttore d’orchestra Andrea Pestalozza, intervistato dal compositore Giuseppe Califano sul periodico “Lavori in corso“, alla voce Cover Story (per chi volesse leggerla: (http://blog.manpowergroup.it/wp-content/uploads/2011/11/Lavori-in-Corso_3_2011.pdf). Dunque, può essere valido il modello dell’orchestra…. “Io credo che, a livello di civiltà di una civilità – spiega Andrea Pestalozza nell’intervista pubblicata sul numero di novembre del periodico – la si misuri persino dal livello delle loro orchestre e dal modo di proporre la musica […]

  

Premio 2011 / Bearzatti miglior jazzista europeo

Dopo il pianista milanese Franco D’Andrea, è il secondo italiano ad aver ricevuto il premio dell’Acadèmie du jazz Francais, quello di Miglior musicista europeo dell’anno (2011). Un bel rinoscimento per Francesco Bearzatti; ma a questo punto si può dire, per lo stile nazionale/internazionale. Che ormai non conosce – e questo punto da decenni – più rivali. Anzi. La premiazione avrà luogo l’11 gennaio del 2012 a Parigi nella Place du Chatelet. Sassofonista, clarinettista e compositore, Bearzatti è un artista versatile, leader di alcuni dei gruppi più innovativi degli ultimi anni. Dal rock al jazz alla musica elettronica, unisce ai suoi lavori una […]

  

Centenario / Il magico mondo di Nino Rota

Su Nino Rota sono stati versati fiumi di inchiostro, ma mai abbastanza per farsi perdonare per l’indifferenza che a lungo c’è stata nei confronti della sua produzione meno evidente; dunque, non quella per le colonne sonore – che l’ha portato alla fama –  ma la musica strumentale di ricerca, da camera. Le possibilità per chiudere il “conto” in questo periodo non mancano. Proprio in occasione del centenario della sua nascita – 3 dicembre 1911 – data in cui, in varie città d’Italia, ci saranno iniziative di vario genere: convegni, concerti, dibattiti e via dicendo (facili da individuare sul web). Ovviamente, anche la […]

  

il Blog di Luca Pavanel © 2018