Libri / Alla riscoperta della Milano musicale di Gino Negri

Gino Negri: chi era costui? Ci sono pezzi di storia della musica che, come dire, sono stati presi in considerazione, ma non troppo. Compositori degni di nota a dir poco che in qualche modo sono stati oscurati dalla Storia (eh eh, sempre lei…), dagli studiosi. Qualche libro magari c’è, documenti negli archivi, esecuzioni mai, o quasi. Probabilmente è il caso di Gino Negri (1919-1991); che all’attività di compositore alternò quella di critico musicale per la rivista Panorama. Chi volesse scoprire e approfondire la vita e le opere di questo personaggio e del periodo che visse nella capitale lombarda, in libreria […]

  

Scritto in Varie -
1 Commento »  

In platea / Il Sentiero di Del Corno passa anche da Machaut

Ermetismo melodico, raffinati giochi timbrici, improvvise provocazioni techno-ritmiche, persino mescolanze col mondo di Amy Winehouse. E poi il canto, la seduzione dell’amore narrato, i video-artisti sulla scena. E una star del grande schermo… Non c’è che dire, il compositore Filippo Del Corno & Co ogni volta lascia/lasciano il segno. E così è stato l’altra sera al teatro Strehler di Milano: se lo spettacolo multimediale “Il rimedio della fortuna” tratto da “Le Remède de fortune” composto nel 1342 da Guillarme de Machaut voleva far discutere, c’è riuscito. Una re-interpretazione moderna della forma-melologo (in questo caso antico). Chez l’attrice francese Fanny Ardant; […]

  

Il ricordo / L’altra faccia di Jon Lord

Molti musicisti-artisti di spessore, che hanno trovato il successo nei generi commerciali, non hanno mai dimenticato la musica d’arte e la musica d’uso di alto livello. Uno di questi è stato il pianista-tastierista Jon Lord (1941-2012) rimasto nel firmamento come il fondatore-anima del gruppo Deep Purple, come innnovatore dell’organo Hammond, come uno dei tastieristi più famosi del rock. Onore a Lord dunque, scomparso all’età di 71 anni lunedì 16 luglio dopo una lunga malattia. Del suo nome legato ai Deep tutto si è scritto e tutto si scriverà. Ma forse è rimasto meno conosciuto l’altro volto dell’artista. Quello che l’ha rappresentato – sia negli anni della giovinezza […]

  

Festival / I primi vent’anni dell’Iseo Jazz

Iseo Jazz ai suoi primi Vent’anni. Proprio così. Il festival nato come scomessa perché di scommessa si trattava poiché il panorama dei festival italiani è da sempre orientato verso i musicisti stranieri, è stata vinta. Adesso, spiegano gli organizzatori, è una manifestazione entrata nel tessuto culturale del Belpaese jazzistico. L’edizione del ventennale viene varata con un programma che punta molto sui givani e sull’originalità dei progetti; ancora una volta, nel suo complesso, quello che si ascolta a Iseo si può ascoltare solo a Iseo. Il premio Iseo di quest’anno va all’ottantunenne Dino Piana, protagonista della storia del trombone, che presenta un omaggio a […]

  

Novecento / Da Debussy a Dutilleux: viaggio nella scuola francese

Se volete è stata una delle anticamere delle anticamere dell’avanguardia. Si parla di fine Ottocento-primi del Novecento francese, un momento assai interessante per l’arte dei suoni, poi o forse prima c’è quella tedesca. Nomi come Debussy, Poulenc e Milhaud, per dirne alcuni. Autori di prima grandezza con una loro poetica assai precisa, chiara, netta distinguibile. Che suoni! E poi lui, il grande Debussy: con la sua produzione – soprattutto negli anni della giovinezza e dunque del debutto – negli ambienti accademici creò non pochi mugugni, condanne, scetticismi; con il suo modo di scrivere dava alla sua maniera un’altra “botta” – e che botta, anche se con mani […]

  

Generi / Da Listz a Bregovic, sui sentieri gitani

Chissà se qualcuno ha trovato la risposta alla domanda lanciata dal compositore ungherese Franz Listz circa il presunto legame tra la “profondità” musicale del popolo gitano e il suo difficile vissuto, tra diaspore, violenze e persecuzioni. Anche a distanza di così tanto tempo, rispetto alle considerazioni del grande pianista dell’Ottocento, la storia degli zingari, quella musica completa, forse resta una delle meno indagate. A dare l’occasione per accernarne è una mostra fotografica in corso fino al 16 settembre, dal titolo “Zingari di Josef Koudelka”, presso la fondazione Forma per la fotografia di Milano. Koudelka è un fotografo di fama, ecco il suo […]

  

In scena / Bollani-Corea, un “duello” a suon di tasti

Umbria Jazz, avanti tutta. A Perugia, il via con Stefano Bollani, in duo pianistico con Chick Corea; altro tandem interessante, con il brasiliano Hamilton de Holanda. Nel primo caso si tratta di un incontro di jazz puro, con un pianista, Corea, che per Bollani è sempre stato un riferimento. Nel secondo, prevale l’ amore per la musica brasiliana, di cui de Holanda, virtuoso del bandolim, è un notevole esponente. Tra l’ altro, al suo strumento, normalmente ad otto corde, Hamilton ne ha aggiunte altre due per estendere il potenziale espressivo. Il festival vivrà nella giornata di chiusura, il 15 luglio, l’ evento più […]

  

Storia / Quando gli studi sul suono si chiamavano Eco

Il suono, questo sconosciuto. Fino a un certo punto, sin dall’antichità l’uomo si è interrogato e ha studiato le emissioni sonore. Fenomeni che ha “registrato” e ri-prodotto, per esempio sfruttando fenomeni come l’eco. Ora è il tempo dei centri ad alta tecnologia, vedi l’Ircam di Parigi. Chi volesse (ri)scoprire certi artifici messi in atto dagli studiosi-costruttori del passato, l’occasione la offre la Civica Scuola di Musica ( al 150esimo compleanno), ovvero Villa Simonetta – via Stilicone 36 a Milano, dove martedì 3 luglio si potranno osservare-ascoltare gli effetti dell’Eco che esiste in loco, a partire dalle musiche che verranno proposte […]

  

Convegni / La carica dei musicologi: 1000 studiosi a Roma

Musicologi di tutto il mondo unitevi. Per una settimana Roma (1-7 luglio) diventerà la capitale degli studi musicali, ospitando il 19esimo Congresso della Società Internazionale di Musicologia. L’incontro sarà ospitato dall’Accademia nazionale di Santa Cecilia, dalla Fondazione Musica per Roma con l’apporto delle tre università pubbliche della Capitale: La Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre, nella sede dell’Auditorium Parco della Musica. Obiettivo dei lavori:  approfondire il ruolo della musica, nelle diverse epoche, come strumento di costruzione e d’espressione, delle diverse identità culturali e l’apporto che la musica può avere nell’incoraggiare la comprensione e il dialogo tra le culture, nel creare una […]

  

il Blog di Luca Pavanel © 2018