Improvvisare, non solo questione di musica. Ma di vita, un modo di sentire che prende, si allarga, si estende a tutto quel che avviene. Un modo “diverso” dal programmare, “un viaggio all’interno di se stessi, alla ricerca delle sorgenti della propria creatività”. Benvenuti nel magico mondo di… Stephen Nachmanovitch, musicista, progettista informatico, educatore e scrittore.

Ebbene, questo signore ha scritto “Il gioco libero della vita – trovare la voce del cuore con l’improvvisazione”. Un libro degno di nota, soprattutto per chi – come la presentazione spiega – “vuole entrare in contatto con le fonti della propria energia spirituale e accrescere la propria creatività. Dunque vi si trovano aneddoti, storie, suggestioni per arrivare all’obiettivo.


Nella ricerca di chi ha caro il tema dell’improvvisazione – c’è da immaginare soprattutto musicisti – è un libro da tenere presente, come saggio di cultura musicale che viaggio dentro i significati e non solo sulle ali della tecnica: per questo esiste un’ampia manualistica, che aiuta – va ricordato – dà una buona mano per imparare, ma mai quanto la guida diretta di una mano esperta e l’esperienza sul campo.

Infine: problemi di blocchi creativi… questi blocchi possono essere rimossi, e in questo il libro consegna al lettore delle “dritte”: “ per finalmente creare esprimendo la propria voce”. Ps. Nachmanovitch ha studiato con Gregory Bateson, antropologo-sociologo e psicologo britannico.
In allegato: video con musiche di Stephen Nachmanovitch