Il duo formato dal violinista Fulvio Luciani e dal pianista Massimiliano Motterle torna all’Auditorium di Milano, in largo Mahler, domenica 1 marzo alle ore 11.30, con il sesto e ultimo concerto del ciclo Romantico Bach. Si conclude anche il concorso Romantico Bach, dedicato al genio di Eisenach: tra le partiture pervenute, ha vinto Studio IV a 2 per violino e pianoforte di Vittorio Zago. Il brano sarà interpretato da Luciani e Motterle nel corso del programma della mattinata musicale, che di Bach vedrà l’esecuzione della Partita in mi maggiore BWV 1006 nella versione di Schumann con pianoforte e della Sonata per violino e cembalo in sol maggiore BWV 1019, quindi della Sonata di Béla Bartók per violino solo, forse il più importante pezzo del ‘900 per violino solo ed essa stessa: con il suo Tempo di ciaccona e la sua Fuga, un grande e dichiarato omaggio alla musica di Bach. Il duo tornerà all’Auditorium a partire da settembre per un nuovo ciclo di concerti, questa volta dedicato a un altro grande genio: Beethoven, l’invenzione della musica.


Ecco il commento di Fulvio Luciani sul brano vincitore: “Era stato chiesto un nuovo atto creativo, una composizione idealmente o suggestivamente legata a Bach, per ripensarne la vitalità del lascito e l’influenza che ancor oggi può esercitare sulla musica del presente. La partecipazione al concorso è stata estremamente qualificata, e non solo dall’Italia. Zago, allievo di Corghi e Kagel, ha vinto ‘per la perfetta centratura dello spirito del ciclo Romantico Bach, avendo dato una lettura sincera e personale dell’eredità bachiana oggi, attraverso un gioco di specchi che richiama quello compiuto da Schumann con la musica violinistica di Bach, su cui il ciclo si fonda’”.
In allegato: musiche di Bach e di Zago (Studio 1)