Il nostro Julius (Tremonti, per chi non lo sapesse) ha visto la luce. Già si capiva per la verità leggendo con attenzione un interessante fondo del convertito (alle ragioni ministeriali) Giannino, di un paio di giorni fa. Un liberale doc, a patto che non si discuta dell’operato di Julius. Ma ritorniamo alla luce. Su Libero leggevamo: “il Papa su questo la pensa come Giulio Tremonti, non come gli alfieri del mercato che sul Corriere della sera e Sole 24 ore da mesi ribattono che quelli contro i derivati sul petrolio e sul grano sono attacchi di irriducibili passatisti, di vecchi arnesi nostalgici del protezionismo. Ora si è capito ancor meglio, che i giudizi del Papa non sono poi coincidenze casuali, con Tremonti” . E poi oggi finalmente sul Corrierone una domanda (anzi una non domanda) infilata lì per caso: “A luglio il papa ha condannato la speculazione…” E Julius, poco prima: “Come sempre, nei grandi passaggi della Storia, la visione della Chiesa è fondamentale per la comprensione dell’esistente”. La lieta novella della parabola di Julius: “L’azione dei governi ha fermato la speculazione”.
Sintetizziamo il filo logico del ragionamento: la speculazione è la peste del secolo-tremonti ha convinto di ciò il papa- la Chiesa ha sempre una grande visione e la condivide con Julius-i governi, incalzati da Julius hanno bloccato il contagio malefico. Hip hip hurra. Per fortuna che abbiamo il nostro adorato Cav.