Fate presto? Sì, ma cosa

Un milione di licenziamenti nel 2012. Pressione fiscale salita al 52%. Consumi crollati, Pil sceso più del 2%. Nel medesimo sciagurato anno, 80mila italiani sono scappati all’estero: la metà di loro sono giovani. Il traffico autostradale è sceso e abbiamo iniziato a consumare anche meno energia elettrica. Il debito pubblico è cresciuto di 80miliardi e le sofferenze bancarie sono salite a 130miliardi. Vi basta? Per carità di patria e rispetto del lunedì ci fermiamo. Attribuire tutta la responsabilità al governo Monti è scorretto, così come scorretti sono i tecnici che sostengono di aver salvato il Paese. La parola d’ordine della […]

  

Le vecchie liturgie di Bersani

Non si riesce bene a capire per quale motivo il presidente incaricato, o semincaricato, Pier Luigi Bersani stia facendo questo lungo valzer di incontri con le parti sociali. E non si occupi piuttosto di tenere in piedi il suo partito, che si sta platealmente dividendo (e questi in effetti sono affari suoi), e soprattutto non provi a stringere quella mano tesa da parte della seconda coalizione uscita dal voto. O forse si capisce benissimo. L’idea è che gli italiani si possano guidare attraverso un grande accordo, antidemocratico, con l’establishment. L’idea che un Paese si possa guidare attraverso il consenso delle […]

  

Radicali, altro che Grillini

Agli italiani degli sprechi della politica non importa davvero nulla. Non gettate subito la zuppa e seguite il ragionamento. Diciamo meglio: gli italiani si dicono indignati per gli sprechi, ma non si comportano di conseguenza. Così come tutti si dicono contro l’evasione. Ma quella degli altri: poi, una ricevutina farlocca l’accettano in molti. Ma come, si dirà, con i milioni di voti ottenuti da Grillo come si fa a sostenere una panzana simile? Stop. Fermiamoci un attimo. Il voto di Grillo è tante cose e non staremo qui a fare il predicozzo o l’analisi di chi sapeva tutto, anche se […]

  

Elezioni.4 Chi vince, chi perde

Primo Bilancino di un parlamento ingovernabile. Parliamo dunque di dettagli. Vabbè il cav fa il miracolo e vince. Più per demerito di Bersani, che merito suo. Rispetto alle ultime elezioni perde infatti un botto di voti. Ma resiste. Insomma lo mettiamo nella colonnina dei vincenti. E se riesce a prendere il Piemonte (se la gioca con il pd per poche migliaia di voti) è il parito di maggioranza relativa al Senato. Bersani dona il sangue ai grillini, ma in una misura decisamente superiore alle attese. Il suo destino politico a questo punto è segnato. Grillo stravince. é ovvio. E riesce […]

  

Elezioni.3 La Camera è in Bilico

Secondo le prime proiezioni sulla Camera è ancora tutto in bilico. Tra cdx e csx ballano 0,5-1 punto percentuale, a favore di quest’ultima. Insomma siamo nell’intorno dell’errore statistico. I grillini, come si capiva dal Senato, fanno l’exploit. Ma grazie alla legge elettorale chi prende un voto in più degli altri si pappa il premio di maggioranza. Ci troviamo dunque con la Cemera bassa in cui un partito si porterà a casa 340 deputati, pari al 55 per cento dei seggi, con un 30 per cento (scarso) di consensi elettorali. Vale, per la sinistra, lo stesso discorso del Senato, è del […]

  

Elezioni.2 Dove è finita la sinistra

Se le proiezioni del Senato dovessero essere confermate ci sarebbe un pareggio tra la coalizione di cdx e quella di csx. Con il partito dei grillini, che non si è coalizzato con nessuno, che balla tra primo, secondo e terzo singolo partito a seconda delle regioni. In termini percentuali le rpime due coalizioni si spartiscono il 30 per cento dei voti a testa. I Grillini il 24 per cento. Sembra scomparsa l’estrema sinistra: Ingroia fa flop e anche il dato di Vendola (che è coalizzato con Bersani) sembrerebbe dalle prime proiezioni molto basso. Tutti ingredienti che fanno pensare come gra […]

  

Elezioni.1 Un parlamento bloccato

Come volevasi dimostrare. Ogni previsione sembra confezionata per essere smentita. Le prime proiezioni sul Senato danno un vantaggio al cdx di Berlusconi. Veneto, Lombardia, Sicilia e Campania, secondo le prime proiezioni de la7 danno in vantaggio il Cav. I grillini in grande ascesa e addirittura secondi in Sicilia, prima del Pd. Se così fosse e se il premio di maggioranza della Camera venisse assegnato al Pd (come dicevano i primi Istant poll) il parlamento non avrebbe una sola maggioranza. Un bel pasticcio. La Borsa, come spesso avviene, sembra non capire nulla della realtà politica italiana e soprattutto del suo sistema […]

  

Elezioni.0 Un paese normale

Sarebbe molto bello se fosse vero il pirmo istant poll di Sky. Il csx avrebbe una maggioranza chiara e netta nelle due camere. Il cdx sarebbe l’opposizione. Ingroia e il suo partito di comunisti e magistrati sotto lo sbarramento. La lista dei centristi in grande difficoltà. E il voto di protesta dei grillini molto ben rappresentato. In un paese normale non è un male che un partito che è stato all’opposizione si candidi a governare e ci riesca, come sembra avvenire a Bersani, senza alcun aiutino. Temo purtroppo che con il passare delle ore le cose si complicheranno, rendendo lo […]

  

il Blog di Nicola Porro © 2017