Botta dal fisco, botta sui risparmi

La cosa funziona eccome per le casse del Tesoro. Molto meno per le tasche dei contribuenti-risparmiatori. Stiamo parlando della politica monetaria ad interesse zero. Facciamola semplice. Il debito pubblico deve essere piazzato con i famosi Bot e Btp. Meno il Tesoro paga di interessi e più diminuisce la spesa pubblica per interessi. Il che è positivo: diminuzione della spesa pubblica e, direbbe l’ortodossia contabile, minori imposte. Ma è del tutto evidente che ciò non stia avvenendo. Entra in gioco a questo punto una terza pedina, che rende la situazione dei risparmiatori-contribuenti ancora più dolorosa. Come impiegare i propri risparmi diventa […]

  

Bot, l’anno prossimo più ricchi

Fabrizio Viola e Alessandro Profumo hanno rilasciato interviste entusiastiche sull’ottima riuscita dell’aumento di capitale da 5 miliardi realizzato dal Monte dei Paschi di Siena. Non era facile e ci sono riusciti. Entrambi si sono fatti sfuggire un paio di dettagli interessanti. Quando abbassi la guardia e alzi il calice può succedere. Profumo ha fatto capire, senza tanti fronzoli, che il sistema bancario italiano è squilibrato: presta più di quanto incassi dai depositi bancari. Troppi prestiti rispetto alle possibilità delle banche. Non certo un bel segnale per chi auspica una riduzione del credit crunch. D’altronde, ce lo insegna De Soto, prestare […]

  

Ecco come tassano i Bot

I sindacati hanno annunciato quattro ore di sciopero contro la legge di stabilità. A ben vedere, però, a scioperare dovrebbero essere i risparmiatori. Nelle pieghe del testo è spuntata infatti una tassa sui risparmi degli italiani che ieri sera il premier ha rivendicato da Lilli Gruber a la7. In una prima versione avrebbe dovuto portare nelle casse dello Stato 900 milioni di euro. Nelle ultime ore la previsione è scesa a 530. Vedremo quale sarà il risultato finale. Il meccanismo è micidiale e comporterà un inasprimento del bollo (questo l’escamotage tributario) anche sui titoli di Stato. Vediamo come. Bot, Btp […]

  

il Blog di Nicola Porro © 2019