L’UE in crisi è d’accordo solo sull’anticomunismo. Ma è propaganda anti-russa

flag-3370970_960_720

Il Parlamento europeo è in subbuglio, alle prese con la sempre più difficoltosa nascita formale della Commissione guidata da Ursula Von Der Leyen, minata dalle divisioni in seno alla maggioranza che dovrebbe sostenerla, dopo la bocciatura della commissaria designata dalla Francia di Emmanuel Macron, la liberale Sylvie Goulard. Divisioni che ora rischiano di far slittare di un mese il voto di conferma alla nuova Commissione, che dal 1 novembre dovrebbe sostituire quella attualmente guidata dall’uscente Jean Claude Juncker, dopo che la fiducia alla Von Der Leyen era stata ottenuta con appena nove voti di margine. Una situazione ben diversa da […]

  

USA: nel 2018 i miliardari pagano meno tasse dei lavoratori. Mai accaduto prima

dollar-2891817_960_720

Le 400 famiglie più ricche degli Stati Uniti, i principali miliardari in dollari, per la prima volta nella storia pagano, in proporzione, meno tasse rispetto alle famiglie delle classi lavoratrici. Lo sostiene uno studio, pubblicato in un recentissimo saggio intitolato “The triumph of injustice” (“Il trionfo dell’ingiustizia“), di due economisti americani: Emanuel Saez e Gabriel Zucman, entrambi dell’Università di Berkeley, in California. I miliardari americani, infatti, sarebbero stati tassati nel 2018 al 23% circa del proprio reddito, mentre le famiglie della classe operaia e quelle dei lavoratori in genere avrebbero subito un’imposizione media del 24,2%. Il calcolo sui cui si basa […]

  

Il taglio dei parlamentari. Una cretinata inutile. Anzi, dannosa

1506078034-dimaio-lapresse

Da anni si discute di riduzione del numero, degli stipendi e dei privilegi della “casta” dei parlamentari. Se ne discute tanto che la parte meno strutturata dell’opinione pubblica si è in gran parte convinta che siano proprio queste le principali zavorre che gravano sul bilancio statale e che, nel tempo, hanno aggravato il debito pubblico. In realtà, però, quello che la gente non sa è che i costi della politica, considerando i conti dello Stato, costituiscono una parte infinitesimale degli stessi. Ridicola. Sostanzialmente ininfluente. Con la riduzione di deputati e senatori appena approvata dalla Camera, per capire meglio la misura […]

  

La Turchia entrerà in Siria. Traballa il rapporto con Mosca?

1570527521-lapresse-20190924144130-30560801

Dopo otto lunghissimi anni, si apre un nuovo capitolo dell’interminabile conflitto siriano. La Turchia di Recep Tayyip Erdogan, dopo averlo annunciato per tempo, è intervenuta militarmente in Siria, dove avrebbe, come riportato da alcune fonti, effettuato dei primi bombardamenti nella fascia a sud-est dei propri confini, nella zona di Al-Malikiyah, località situata nella provincia nordorientale di Hasakah, preparandosi a invadere l’area. Lo scopo dichiarato è quello di creare una “safe zone” a est dell’Eufrate, controllata attualmente dalle milizie curde dell’YPG, ostili ad Ankara e considerate dall’esecutivo turco un’organizzazione terroristica. “Safe zone” alla quale dovrebbero essere destinati un milione di rifugiati […]

  

Greta e la geopolitica. Cui prodest?

1569932090-lapresse-20190917175521-30469089

“Cité­-jardinistes”. Con questo termine Renè Guenon, nella sua opera “Il Teosofismo. Storia di una pseudo-religione”, indicava, negli anni Venti del XX secolo, quel milieu sostanzialmente liberal-paganeggiante (ma di un paganesimo essenzialmente sintetico e anti-tradizionale), antenato del contemporaneo ambientalismo. Non è quindi strano che certo ecologismo sia in qualche misura consustanziale all’elite mondialista e liberal-globalista. Non bisogna pertanto stupirsi se, all’attuale fenomeno Greta Thunberg, si accodano figure come il principe monegasco Pierre Casiraghi o i soliti attori di Hollywood. Tuttavia, oltre a ben rappresentare il retroterra ideologico di circoli elitari più o meno occulti, il fenomeno Greta può aprirsi anche a ulteriori chiavi di […]

  

Italia 2020: pagare lo Stato per avere una pensione. L’ultimo successo del capitalismo

poverty-797948_960_720

La notizia è emersa nelle ultime ore. A quanto pare il Governo starebbe vagliando l’istituzione di un fondo di previdenza complementare pubblico, che sarà gestito dall’INPS e sarà ad adesione completamente volontaria. A confermarlo, in un’intervista all’ANSA, lo stesso presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico. “I fondi di previdenza complementare – ha spiegato il numero uno dell’INPS – hanno una scarsa adesione, hanno un’adesione ciclica, permettono a chi è già ricco di avere forme complementari ulteriori e allocano la maggior parte dei fondi all’estero, con investimenti in altri Paesi. Il ministero ci ha chiesto una valutazione sulla possibile nuova riforma e stiamo pensando […]

  

Oltre le Termopili: perché l’Iran non dovebbe essere un nemico

Copertina-4-2019-Primaarchitecture-3147832_960_720

Intervenendo alla 74esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il presidente statunitense Donald Trump ha voluto ribadire, come se ce ne fosse stato bisogno, l’ostilità del suo paese verso l’Iran. E proprio l’Iran è l’argomento principe del 56esimo numero di Eurasia – Rivista di studi geopolitici, di imminente uscita, all’interno del quale è contenuto anche un modesto contributo di chi qui scrive. Un tema importante, del resto, quello dell’Iran, che merita di essere conosciuto e approfondito anche da un pubblico di non addetti ai lavori, per poter meglio comprendere le dinamiche che ruotano attorno alla questione, spesso affrontata in maniera molto […]

  

La cultura? In Italia non è più un valore

book-4373283_960_720monkey-3554261_960_720

Lo dicono i dati, lo dice l’evidenza empirica. E allora bisogna iniziare a parlare fuori dai denti. E affermarlo senza falsi timori. Affermare cosa? Che la cultura, in Italia, non serve più a una mazza! Dimenticate quello che vi raccontavano da bambini, cioè che chi studia, chi approfondisce, chi più sa poi ottiene una ricompensa: è tutto falso! Chi lo sostiene? L’autore di questo blog? No, i numeri. Basti dire infatti che, in questo momento, il libro più letto e il film più visto dagli italiani sarebbero, rispettivamente, “Le corna stanno bene su tutte. Ma io stavo meglio senza”, di tal […]

  

La “sfida alle stelle” di Giorgia Meloni. Che ora può puntare in alto

1457960088-olycom-20160309031855-18028559

Ancora troppo in pochi se ne sono resi conto, ma c’è forse un solo partito in Italia che, oggi come oggi, presenta una tendenza realmente positiva in termini di consenso e di prospettive di crescita. Si tratta di Fratelli d’Italia. Così, mentre si apre a Roma il tradizionale appuntamento annuale di Atreju, che si concluderà domenica e vedrà la partecipazione, tra gli altri, del premier ungherese Viktor Orban, la “sfida alle stelle” (è anche il titolo dell’edizione 2019) di Giorgia Meloni appare definitivamente lanciata. E gli spazi da conquistare potrebbero essere importanti. Perché larga parte dell’elettorato genericamente definibile come “di […]

  

Ora Renzi ha ricreato l’Ulivo e il bipolarismo. Con i grillini e contro Salvini…

Senato. Comunicazioni del presidente del Consiglio dei ministri in vista del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno

Dunque l’ha fatto. Matteo Renzi ha lasciato il Partito Democratico, di cui è stato segretario. Lo ha fatto perché, dice lui, si è sentito un “intruso nella storia della Ditta che nei prossimi mesi si riprenderà D’Alema, Bersani e Speranza”. Ecco che, allora, sono già arrivate le grandi analisi. Si parla di un soggetto di riferimento dei moderati, dei liberali. Dei centristi insomma. Centristi che, sia tra gli eletti che tra gli elettori, sono in libera uscita sia da Forza Italia che dallo stesso Partito Democratico, che, dopo la scissione renziana, sarà, come correttamente prevede l’ex premier, sempre più orientato […]

  

Il blog di Cristiano Puglisi © 2019