Il terrorismo? È tutta una supercazzola…

Satira tremens. Il terrorista, le supercazzole e San Gennaro. Certa stampa, ci propina supercazzole tranquillizzanti; vorrebbe convincerci della disfatta dell’Isis. E ne viene fuori un dialogo surreale con i soldati di Allah. Un delirium tremens di tutti quei candidi che credono ancora che la pacifica migrazione sia solo una conseguenza del mondo che cambia. O che il terrorismo che sta piagando l’Europa, si possa sconfiggere con il nonsense o con una manciata di buone intenzioni. Mettete dei gessetti colorati nei vostri cannoni. Non sapevate tutto questo? Allora guardatevi la nuova puntata di InGrippoWeb – tv politicamente scorrettissima (ospitata da ildispaccio.it di […]

  

Amare la destra è ormai una romantica perversione

untitled

Dalla Francia all’Italia. In tutto questo trambusto di destre, alla riscossa o dentro la fossa, in questa mattitudine di sfumature, onde e cavalloni, in questa bolgia di entusiasmi e illusioni, mi è venuta in mente quella volta che con lei ho avuto un amore. Tra il serissimo e il faceto. Come Fantaghirò, o le favole del Basile. Ti incantava, ti portava a letto. Ma poi quell’amore furioso e denso, finiva in malora. Scapicollato in qualche ricordaccio, scomodissimo e spinoso. Sul più bello. “Sono distratta”, dice. “Penso alla casa di Montecarlo. È tanto che non l’apriamo, deve prendere aria. Dai fammi rivestire […]

  

Lasciate morire gli italiani sotto i ponti (del migliore dei mondi possibili)

intervallo-rai

Gli italiani muoiono sotto i ponti, in tutti i sensi… Io credo che sia un bene che l’11,9% delle famiglie italiane sia in gravi difficoltà economiche. Solo una terra che affoga nella povertà può capirne l’assenza. Come un meraviglioso cigno che apre le pinze. Era ora che gli italiani tornassero dall’eterno weekend di vacanza, che spegnessero il tv 106 pollici curved. Che tornassero a prendere schiaffi in faccia dalla realtà. Popolo di pigri burloni, allegri beoni, stesi al sole. Trova scuse e mangia raccomandazioni. Penso sia un bene che i ponti crollino in testa, così, random. Solo non sapendo quando […]

  

Le biblioteche? Fortini liberi contro il politicamente corretto. Nannipieri e la battaglia di Cascina (contro Fabio Volo)

download (74)

Cosa succede se, costretto a scegliere, qualcuno rifiutasse l’egemonia culturale imperante per rifugiarsi in un cantuccio di privata e legittima libertà? Il cantuccio, l’angulus oraziano, da cui cogliere il paesaggio, il fronte, la visuale senza essere ancora corrotti e travolti dal mainstream. Luogo privilegiato, noto e sicuro, per coltivare se stessi nell’epoca della grande siccità dello Spirito. Libri. Per arredare e per fare spessore quando, tornati da Ikea, ci si rende conto che quel mobiletto tanto bello in realtà, in casa, ci stava per un pelo. Per coprire il buco della stuccatura. Libri per fare selfie e selfie per fare […]

  

Se inviate curriculum come un compitino da fare, ma la testa non si apre, non ha ragione Poletti, vi condanna a morte la storia

Io non vedo i giovani in piazza, io non li vedo. Io non sento il megafono gracchiare, il vociare del blocco. Non sento le urla. No. E allora? E allora, forse, non abbiamo toccato il fondo. Breve storia triste. Ho un curriculum di serie A. L’ho inviato centinaia di volte in due mesi. Neanche mi hanno risposto. Fine. Poletti non riscuote le mie più fresche simpatie. Personalmente lo stimo come potrei stimare uno che ti appiccica un chewing gum nei capelli. Eppure su quel che ha detto, c’è da “riflettere”. Non è un dissenso coatto con la morale comune, ma neanche una […]

  

Il ponte che univa la Civiltà all’immondizia dell’Italia di oggi è crollato. Come quello sulla A14

download (56)

L’italia è una Repubblica fondata…sul mito, di se stessa. Sul mito di se stessa, sul culto del passato, sulla musealizzazione della nostalgia, del ricordo. Del tempo che fu. Perché per quanto si possa essere cool, moderni, progressisti col sedere degli altri, rimaniamo solo un triste bar di provincia, sulla principale che porta al paese; quello con i bicchieri opachi e le costine di legno addosso ai muri. Col ventilatore acceso e il biliardo sporco. Dove si legge la Gazzetta e ci si dispera per qualche morto ammazzato in macchina, dove si ride del femminiello del paese vicino, mentre fuori le […]

  

Dire clandestino è reato? Fermiamo chi sta ammazzando la lingua italiana

Clandestino. È reato chiamarci qualcuno. Io continuerò ad usare questo termine, perché seguo il senso fondante della mia lingua, e lo farò, clandestinamente. Finirà che gli italiani dovranno parlare la loro lingua clandestinamente, appunto; finirà che sarà l’italiano a fare la fine del clandestino. Ma l’italiano, cos’è? Ben più di una lingua romanza, di un’ispirazione musicale, di un doppiatore internazionale, di una puttana degli esotismi – come ben risalta Patrizia Valduga nel suo “Italiani, imparate l’italiano!” (Edizioni d’If) -. Dell’idioma che si parla nella Repubblica italiana. L’italiano è la nostra terra d’origine. L’unica cosa effettivamente capace di spiegare gli italiani, […]

  

I tassisti: il sogno erotico degli italiani che la rivoluzione la fanno guardando la tv

L’Italia è un museo delle cere, la fotografia di un disastro. Un museo vecchio, con le sedie sparse in mezzo alla sala, coi muri crepati, tanta polvere e poca luce. Al centro una tv, sempre accesa che manda solo talk show. Di notte e di giorno. E di quegli italiani che guardano il tempo passare, dai vetri di quelle stanze, guardano fuori, la strada, il tempo, il loro, per lamentarsi di tutto e piangersi addosso, di quanto si stava meglio prima. Un album dei luoghi comuni, dei ricordi di un tempo, tassidermisti del Bello di ieri, esperti di voyeurismo. Guardiamo […]

  

Foibe: pretendiamo di integrare i migranti e le altre culture quando ancora schifiamo e ripudiamo la nostra?

Siamo tutti italiani. Coinquilini nella seconda casa al mare dell’Europa, ma pur sempre italiani, oltre la denominazione geografica. Non saremo certo italiani docg, ma almeno, e per adesso ancora, lo siamo. Dato che ormai la misurazione della nazionalità, da queste parti, si fa in nome del made in Italy, più che di un certo numero di valori e abitudini, di insegnamenti e memorie. Memorie. Il mezzo con cui si eterna la vita, uno dei 10 misuratori fondamentali del grado di civiltà di un Paese. Alzheimer. Siamo tutti italiani, anche oggi, 10 febbraio, Giorno del Ricordo, istituzione per legge, caposaldo della […]

  

Odiate Trump ma ricordate che morite di fame come sudditi d’Europa. Il villaggio globale è una montagna di merd@

clinton-vs-trump-meme

Se te lo voti, non va bene. Se lo tiri fuori dal cilindro nemmeno. Se fa il petroliere, no. Ma neanche se proviene dalla Columbia University. Se è saggio e talentuoso, se la politica la fa da sempre. Se è raccomandato o circonciso. Il presidente non va bene, se parla in nome di certi valori. Trump s’insedia. Gente che urla, chi si denuda. Chi spacca vetrine, chi piange. Donne che farfugliano di sesso e utero. “Sono bella e brutta ma sono mia”, “il presidente non può toccarmi, non dovrà guardarmi, non dovrà pensarmi”, che pare di stare a piazza del […]

  

Il blog di Emanuele Ricucci © 2017