I padroni delle armi

arms2Schermata 2015-12-22 alle 11.17.30

Le guerre non sono SOLO una questione di soldi; ma sono ANCHE una questione di soldi. Con le guerre alcuni settori industriali sono penalizzati ma altri favoriti: il primo fra tutti, quello della produzione di armi. SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) ha pubblicato il suo report annuale sul mercato degli armamenti; i dati ci aiutano a capire alcune dinamiche geopolitiche in atto. L’INDUSTRIA DELLE ARMI Le prime 10 aziende mondiali di armamenti appartengono a paesi della Nato: sette sono americane e tre europee (tra cui la nostra Finmeccanica). Da sole fanno quasi il 50% dell’intero fatturato mondiale. Se si […]

  

Il capitalismo e la sua negazione

haroldcredit

DUE DOMANDE Cosa pensa il mondo del capitalismo? Come si sta trasformando il capitalismo? Le due domande a 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino e dall’implosione del modello comunista, sono quanto mai attuali. La crisi economica in Occidente, l’erosione della classe media (quella borghesia che è stata la spina dorsale della crescita capitalista) e lo svuotamento di sovranità delle democrazie liberali che sono la forma politica dentro la quale il capitalismo si è espresso, danno l’immagine di un modello in crisi. L’IDEA DEL CAPITALISMO Legatum Institute, un think tank britannico impegnato nella “rivitalizzazione di capitalismo e democrazia”, ha […]

  

La Le Pen ha perso? No, ha vinto

le pen

LA MACCHIETTA DEL POTERE Non ha conquistato regioni, non governerà la Bretagna né la Provenza, ma ha messo in ginocchio il sistema di potere francese; ha smascherato il grande imbroglio che si cela dietro un modello democratico fittizio e ipocrita. Non c’è nulla di più sorprendente e comico, per la politica francese (e per quella europea), che vedere i socialisti esultare per la vittoria di Sarkozy e i presunti eredi di De Gaulle invitare a votare socialista per impedire al FN di vincere. Tutto ciò rende plastico lo stato comatoso in cui versano la Francia e il sistema di potere […]

  

Londra si prepara alla guerra globale

cameron_2280229b

IL NUOVO PIANO DIFESA All’indomani della strage di Parigi ed in vista del prossimo intervento militare in Siria, il Primo Ministro inglese David Cameron ha presentato il nuovo piano di Difesa Nazionale (Strategic Defence and Security Review) che prevede l’investimento di 178 miliardi di sterline (oltre 250 miliardi di euro) per il prossimo decennio. Il piano prevede l’ammodernamento delle Forze Armate e un più articolato programma d’investimento per le agenzie d’Intelligence (con ulteriori 2,5 miliardi di sterline rispetto a quelli già stanziati) per incrementare di quasi 2000 unità il personale e rafforzare il network di esperti di contro-terrorismo dal Medio […]

  

Francia e Danimarca: il ritorno della sovranità

Francia: elezioni locali, nel sud Fronte nazionale in testa

FESSERIE RADICAL-CHIC “L’Isis spinge a destra la Francia”, così ha titolato Lucia Annunziata non appena si è profilata la vittoria di Marine Le Pen; e nel delirio di assurdità a cui riesce arrivare l’intellighenzia italiana quando deve giustificare le fesserie dette e scritte in questi anni (dagli osanna ad Obama alla guerra in Libia, dalla criminalizzazione di Putin all’immigrazione) la “direttora” dell’Huffington Post ha persino scritto che la vittoria della destra nelle urne europee è “una delle conseguenze che Al Baghdadi aveva previsto ed auspicato nei suoi piani di destabilizzazione e conquista dell’Europa”. E poi i complottisti saremmo noi. SEMPLICE: […]

  

Nato-Russia: chi soffia sul fuoco?

nato_russianato-expansion

MONTENEGRO VS ISIS I ministri della Difesa dei paesi occidentali hanno invitato il Montenegro ad aderire alla Nato come ventinovesimo paese dell’Alleanza. Per Mosca, il gesto è una provocazione che conferma i timori di una volontà espansionistica dell’Occidente anche nei Balcani. Per gli Usa, l’atto non avrebbe alcun significato ostile in quanto, parole del Segretario di Stato Kerry, “la Nato è un’alleanza difensiva che esiste da 70 anni e non è incentrata sulla Russia”. Viene da chiedersi perché la Nato abbia preso proprio ora questa decisione che apre nuove tensioni con la Russia; è mai possibile che per i vertici […]

  

Il blog di Giampaolo Rossi © 2017