Donbass: la guerra fantasma

113344443_1_UKR1959672

I LORO FIGLI “I nostri figli andranno a scuola e nei parchi giochi. I loro si dovranno rintanare nei seminterrati … così vinceremo questa guerra”. Queste parole non le ha pronunciate un tagliagole dell’Isis o di Al Qaeda; o uno di quei despoti mediorientali contro cui l’Occidente lancia i suoi strali moralistici e le sue bombe umanitarie. Queste parole veementi e criminali le ha pronunciate nel 2014 Petro Poroshenko il Presidente dell’Ucraina; l’uomo scelto e voluto da Obama per trasformare quel Paese in una moderna nazione democratica. Un leader a cui l’Ue ha regalato in tre anni quasi 3 miliardi […]

  

“War is coming”. Parola di Generale dei Marines

US-army-norwayGetFile

NATALE IN NORVEGIA Robert Neller è l’attuale Comandante del Corpo dei Marines; è uno dei militari più influenti degli Stati Uniti. Generale pluridecorato, ha partecipato con onore ad alcune delle operazioni più importanti degli ultimi anni, dalla Somalia all’invasione di Panama. Prima di Natale, è volato in Norvegia a portare gli auguri ai 300 marines di stanza a Trondheim; e ai suoi uomini ha spiegato di tenersi pronti perché lui vede all’orizzonte un “enorme conflitto (…) spero di sbagliarmi, ma è in arrivo una guerra”. Questa guerra non sarà giocata in Medio Oriente, dove l’America si è impegnata in questi ultimi […]

  

Pagate per accusare Trump?

ipanews_d0ae5a8e-9f08-4caf-ae33-4c0bfba4ee72_embedded231229721maxresdefault

L’AVVOCATESSA Lei si chiama Lisa Bloom, è californiana ed è una delle più affermate avvocatesse americane per la difesa dei diritti delle donne. È figlia d’arte perché sua madre, Gloria Allred, è stata una sorta di angelo legale delle storiche battaglie femministe. La Bloom in passato ha affrontato casi importanti come quello di Bill O’Reilly (il famosissimo anchor-man Fox accusato di diverse molestie sessuali e poi licenziato) e Bill Cosby, difendendo alcune delle donne che li accusarono di molestie e stupri. Ma non ha disdegnato di stare dall’altra parte della barricata facendo da consulente della difesa a Harvey Weinstein, il […]

  

Siria: soldi occidentali ai jihadisti. Un altro scandalo

FREE-SYRIAN-ARMY-POLICE-07-14-e1405245901678Members of the Free police attend a ceremony celebrating the inauguration of the "Free Police" in the Syrian border town of Jarablus

FREE SYRIAN POLICE: COS’È? Nei giorni in cui Vladimir Putin annuncia la sconfitta definitiva dell’Isis in Siria e la dissoluzione del Califfato, continuano ad emergere le complicità dell’Occidente con i tagliagole islamisti (siano essi Daesh o bande legate al complesso universo jihadista sunnita) . L’ultima in ordine di tempo è quella relativa allo scandalo dei finanziamenti per l’addestramento e l’organizzazione della Libera Polizia Siriana (FSP – Free Syrian Police) nei territori occupati dai ribelli anti-Assad, nell’ambito del programma AJACS (Access to Justice and Community Security Project). Il progetto è nato nel 2014 da un’idea del generale Adeeb al-Shallaf, capo della polizia di Raqqa che […]

  

Se il razzista è nero e odia i bianchi, è politically correct

black_lives_matter_nyc_giBlack-Lives-Matter-Reuters-640x480

IL COCKTAIL RAZZISTA Prendete il New York Times, la Bibbia liberal dei progressisti di tutto il mondo. La voce della sinistra radical-chic che sogna global, dei fighetti che stanno sempre dalla parte degli ultimi (con i soldi dei primi). Il giornale del multiculturalismo ideologico e dei poteri economici, dell’anti-razzismo e dei Maestri illuminati della finanza apolide. Bene, ora prendete un giurista afro-americano di nome Ekow Yankah che insegna Diritto alla Yeshiva University di New York; attivo nel Partito Democratico come Capo del Consiglio degli Avvocati del DNC e i cui articoli sono ospitati regolarmente sul New York Times appunto e […]

  

Cristiani europei, convertitevi all’Islam!

ISLAM_OCCIDENTEislam_franciaScreen-Shot-2014-03-13-at-2.12.40-AM

LE SUORE DI VERDUN Venerdì 10 Novembre, poco prima delle 17, due uomini bussano alla porta del Monastero delle Suore Carmelitane di Verdun nella Francia dell’est. Una della dodici sorelle che lì vivono, apre loro la porta. Gli uomini si presentano come fedeli desiderosi di condividere la parola del Signore e chiedono di poter partecipare ai Vespri. La suora acconsente secondo quel dovere di ospitalità e condivisione che da sempre caratterizza la funzione monastica nella cristianità. Una volta dentro la cappella, inizia la recita dei Salmi: ma qualcosa non va. I due uomini iniziano a pregare in arabo e a […]

  

La Marsigliese, il sindaco e l’imam: Europa vs Eurabia

musulmans-prient-devant-lHotel-ville-Clichy-24-2017protester-contre-fermeture-salle-servait-jusqualors-mosquee_0_1399_9317790907928_000-u58vy

“ALLONS ENFANTS DE LA PATRIE” La scena è surreale ma è lo specchio dell’Europa di oggi. Un sindaco francese guida un corteo contro un gruppo di musulmani, intonando la Marsigliese. Siamo a Clichy-la-Garenne, cittadina dell’Alta Senna, nel dipartimento dell’Ile de France ad ovest di Parigi. Qui, da Marzo scorso, ogni venerdì, gruppi di musulmani occupano illegalmente la piazza del mercato davanti al Comune per la loro preghiera settimanale. Chiamati a raccolta dall’UAMC (l’Unione Associazioni Musulmane di Clichy), un centinaio di islamici blocca il centro della città per inginocchiarsi verso la Mecca. Più che una preghiera è una protesta non autorizzata […]

  

Twitter ha censurato Trump. Ecco le prove

trump-the-hashtwitter-jail-AP-640x480

SHADOW BANNING SU TRUMP All’inizio sembrava essere solo una voce: Twitter, uno dei più importanti social network del mondo, era entrato a gamba tesa nella campagna elettorale americana danneggiando volutamente Donald Trump e favorendo la sinistra liberal di Hillary Clinton. I primi sospetti sorsero nel Luglio 2016, quando una serie di tweet pubblicati da Trump sul suo profilo, non erano comparsi sui feed dei follower; come se quei tweet non fossero mai esistiti. Qualcuno sospettò che Twitter avesse messo in atto un’azione di “shadow banning” tecnicamente un “gettare nell’ombra” alcuni contenuti da lui pubblicati così da non farli vedere sulle bacheche […]

  

Siria: ma quale guerra civile. Ecco le prove.

Schermata 2017-10-29 alle 09.29.34

IL DOCUMENTO NSA La chiamano “Guerra civile”, secondo quella tecnica di manipolazione del linguaggio con cui i media mainstream danno forma ad una realtà trasfigurata. Eppure, che quella siriana non sia una guerra civile ma una guerra di aggressione contro uno Stato sovrano da parte di nazioni straniere e poteri internazionali, è cosa che abbiamo cercato di dimostrare ampiamente in questi anni con verità censurate dai media occidentali, testimonianze dirette e smascheramenti delle manipolazioni costruite dai media. Ora, a conferma di questo, emerge un documento della NSA americana, classificato come “top secret” e reso pubblico da Edward Snowden. È una […]

  

Infowar: le manipolazioni inglesi sull’Ucraina

55552060c621b-full_croppedmedia

I CATTIVI PIÙ CATTIVI La storia è arcinota, ce la raccontano ogni giorno i media, gli intellettuali, i politici. Il mondo è diviso in due: i buoni e i cattivi. I buoni siamo noi, gli Occidentali. I cattivi sono tutti gli altri. I cattivi sono cattivi per tanti motivi: perché sono dittatori (tranne quando i dittatori sono amici nostri), perché sono terroristi (tranne quando i terroristi sono amici nostri), perché sono manipolatori della verità (tranne quando i manipolatori sono amici nostri). Tra questi ultimi, i cattivi più cattivi sono i russi. Loro sono i maestri nella cosiddetta Infowar, vale a dire il […]

  

Il blog di Giampaolo Rossi © 2018