Trump è come Kennedy; ma non ditelo al Deep State

kushnerkennedy150529150103-aman-obama-rouhani-exlarge-169

UN CANALE SEGRETO CON I RUSSI Prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il Presidente americano ha inviato il suo più stretto collaboratore, nonché suo parente, ad incontrare segretamente i russi. Lo scopo era aprire un canale riservato di relazioni fuori dal controllo delle agenzie di intelligence Usa. Di chi stiamo parlando? Ovvio, penserete voi: di Donald Trump e di suo genero Jared Kushner, in questi giorni al centro dell’ennesimo scandalo del Russiagate rivelato dall’FBI al Washington Post e rilanciato dai media mainstream Usa e occidentali. E invece no; il Presidente americano di cui parliamo è J. F. Kenndey e […]

  

La maledizione di Gheddafi

Tutanchamun_MaskesarkoSchermata 2016-11-23 alle 09.20.27

TOUTANKAMHON C’era una volta la maledizione di Toutankamhon; o almeno così hanno creduto generazioni di appassionati del mistero. La maledizione colpiva tutti coloro che in qualche modo erano legati alla spedizione guidata da Howard Carter, che nel 1922 ritrovò la mummia del famoso Faraone bambino (che poi in realtà è più famoso oggi di quanto lo sia stato ai suoi tempi, visto che governò per pochi anni). In realtà i faraoni amavano mandare maledizioni a chiunque violasse il loro sonno eterno, fossero ladri o archeologi, profanatori o semplici avventurieri della domenica. La storia della maledizione di Toutankamhen è ovviamente un […]

  

Clinton, Isis e sauditi: una rivelazione clamorosa

clinton 2CtsLnJgXYAAVUKd

L’IPOCRISIA SVELATA “I governi di Qatar e Arabia Saudita stanno fornendo supporto finanziario e logistico clandestino all’Isis e ad altri gruppi sunniti radicali nella regione”. A scriverlo è Hillary Clinton in una mail indirizzata nell’agosto del 2014 a John Podesta (da sempre uno dei più stretti collaboratori della famiglia Clinton ed oggi a capo della sua campagna elettorale). La mail, rilasciata da Wikileaks, è clamorosa. Se l’America fosse ancora una democrazia sana e non sottomessa ad un’élite tecnocratica e finanziaria che pilota crisi internazionali e guerre umanitarie (di cui la Clinton è la rappresentante), lo scandalo di questa mail costringerebbe […]

  

Hillary, la saudita

Hillary-Clinton-Clinton-Foundation-Saudi-Arabia-060215-G-777x437

ANDATE ALL’INFERNO! State attenti a criticare Hillary Clinton: potreste finire all’inferno. Sul serio, lo ha detto James Carville, uno dei più influenti consiglieri politici della signora e già responsabile della sua campagna presidenziale nel 2008 (quando fu sconfitta alle primarie democratiche da Barack Obama). Di fronte alle perplessità sul sistema di finanziamento della Fondazione di Hillary e Bill, è stato categorico: “qualcuno potrebbe finire all’inferno per questo”, perché l’attività che essa svolge è “un grande atto di carità”. Se avessimo saputo del rischio che correvamo, non avremmo scritto, tre mesi fa un articolo in cui raccontavamo la quantità impressionante di […]

  

La politica Usa produce terrorismo. I numeri lo dimostrano

obamaSchermata 2016-07-31 alle 15.51.40cartinaSTATE DEPvittimeMO NORD AFRICA

Dal 2011 ad oggi, da quando la premiata ditta Obama/Hillary Clinton ha iniziato la propria guerra al terrorismo globale, il terrorismo globale è esploso in tutto il mondo. I numeri parlano chiaro. La politica dell’Occidente, dalla Primavera Araba in poi, ha generato più terrorismo, più attentati e più morti in tutte le aree del pianeta in cui Usa ed Europa sono intervenuti direttamente o per procura. In assenza di una ricerca complessiva sul terrorismo globale, il Center for Strategic & International Studies (CSIS), ha pubblicato una raccolta di dati e grafici disaggregati, provenienti da diversi Centri di ricerca, Ong e […]

  

La sinistra che vota Trump

Clinton, Trump pick up big wins

I PROGRESSIVES In America li chiamano “Progressives”; sarebbero, più o meno, quelli che da noi erano i “Progressisti“, quella sorta di tribù della sinistra europea estinta nel fallimento del mito del Sol dell’Avvenire. Negli States, dove la visione lineare della storia continua a mischiarsi con il cronico ottimismo americano, i “Progressives” esistono ancora e rappresentano uno degli zoccoli duri del Partito Democratico. Cresciuti nel mito di Kennedy sono la generazione di 40-50enni, istruiti con formazione universitaria, di status sociale medio-alto. Sono quelli che immaginano un’America faro dei diritti umani e non delle guerre umanitarie. Sono quelli che vogliono un capitalismo temperato, […]

  

Tutti i soldi della Clinton

bill-hillary-clinton-668037

HOUSE OF CARDS 675.000 dollari per tre discorsi davanti agli investitori di Goldman Sachs, sono troppi anche per lo smaliziato mondo politico americano abituato al cinismo di House of Cards. Eppure questo è quanto Hillary Clinton ha intascato nel 2013 dalla potente e discussa banca d’Affari al centro dei più devastanti scandali finanziari degli ultimi anni. Per Hillary Clinton la questione dei suoi rapporti di contiguità (e dipendenza) con il sistema finanziario americano, è una sorta di tallone d’Achille della campagna elettorale; molto più dello scandalo mail o dei disastri compiuti in politica estera quando era Segretario di Stato. Il […]

  

La Clinton presidente è un rischio per l’Europa

clinton

LE SERENATE PRO-CLINTON Come volevasi dimostrare, sui giornali italiani è partita la campagna pro Hillary Clinton. Ad aprirla, sul Corriere della Sera, è stato il prof. Panebianco con un editoriale di cui sorprende la superficialità dell’analisi. Panebianco, anima moderata e liberale del Corriere, spiega che gli europei avrebbero “ottime ragioni per sperare in una vittoria della Clinton” e che “queste ragioni hanno a che fare con gli interessi dell’Europa”. A fronte dell’isolazionismo in cui l’America cadrebbe con Trump, la Clinton rappresenterebbe la continuità con “quell’internazionalismo variamente declinato” che da Roosevelt in poi ha dominato la politica estera americana e che […]

  

L’altro 11 Settembre e la “nebbia” di Bengasi

clinton

C’è un altro 11 Settembre che ha ferito l’America; quello del 2012, quando a Bengasi, in Libia, un attacco jihadista alla rappresentanza Usa, portò alla morte di quattro americani tra cui l’ambasciatore Christopher Stevens, uno dei migliori diplomatici in Medio Oriente dell’amministrazione Obama. Un atto di guerra che aprì gli occhi in Occidente sulla vera natura della guerra in Libia e su come, i famosi racconti di nuova nazione democratica e pacificata grazie alle bombe Nato, erano solo menzogne: la Libia stava precipitando in un caos di cui questo era il segnale. L’ATTACCO DEI “RIBELLI MODERATI” Quella sera, quasi 200 […]

  

Così hanno ridotto la Libia; così vogliono ridurre la Siria

we came we saw he diedSchermata 2015-10-09 alle 00.51.30

WE CAME, WE SAW, HE DIED C’è un pezzo della storia dei nostri giorni che mostra, simbolicamente, l’arroganza impietosa ed il cinismo con cui l’Occidente ha generato l’attuale disastro Mediorientale; è  un video di cui riportiamo solo la parte finale. È il 20 ottobre del 2011 e Hillary Clinton, allora Segretario di Stato, sta per iniziare un’intervista televisiva quando viene raggiunta dalla notizia della morte del leader libico Muammar Gheddafi. La reazione della signora è l’emblema dell’irresponsabilità di una classe politica che sta facendo dei danni irreparabili. La Clinton, nel fuori-onda, esulta, non riesce a trattenere la sua contentezza; poi, davanti alla giornalista […]

  

Il blog di Giampaolo Rossi © 2017