Twitter ha censurato Trump. Ecco le prove

trump-the-hashtwitter-jail-AP-640x480

SHADOW BANNING SU TRUMP All’inizio sembrava essere solo una voce: Twitter, uno dei più importanti social network del mondo, era entrato a gamba tesa nella campagna elettorale americana danneggiando volutamente Donald Trump e favorendo la sinistra liberal di Hillary Clinton. I primi sospetti sorsero nel Luglio 2016, quando una serie di tweet pubblicati da Trump sul suo profilo, non erano comparsi sui feed dei follower; come se quei tweet non fossero mai esistiti. Qualcuno sospettò che Twitter avesse messo in atto un’azione di “shadow banning” tecnicamente un “gettare nell’ombra” alcuni contenuti da lui pubblicati così da non farli vedere sulle bacheche […]

  

Il Dottor Q esiste davvero: come la CIA controlla i social media

A man crosses the Central Intelligence A

Q ESISTE DAVVERO “Q” è vivo e lotta con noi. Come chi è Q? Non avete mai visto un film di James Bond? Q era il leggendario Dottor Boothroyd, il capo della mitica “Sezione Q” dei servizi segreti britannici. Lo scienziato che provvedeva a rifornire l’Agente 007 di tutti quegli ammennicoli iperfunzionali: la scarpa-pugnale, il jetpack (che negli anni ’70 era pura fantascienza), le sigarette esplosive e via dicendo, compresa la leggendaria Lotus-sottomarino di La Spia che mi Amava. Dicevamo che Q esiste ma non è una persona sola e non lavora per i Servizi di Sua Maestà; Q è una […]

  

Twitter Terrorist

twitter_terrorist

ALAA E ALI In due non fanno 40 anni e rappresentano la nuova generazione di “Twitter terrorist”, giovani musulmani occidentali che usano i social per contribuire alla causa islamista, fare propaganda e proseliti e raccogliere fondi per i combattenti jihadisti. Lei si chiama Alaa Esayed, ha 22 anni e viene da Kennington a sud di Londra. L’Old Bailey (il tribunale penale) l’ha condannata a tre anni e mezzo di carcere. Sul suo account Twitter (@bentalislam, figlia dell’Islam) ha pubblicato in meno di un anno oltre 45.000 messaggi (più di 100 tweet al giorno) inneggianti alla jihad e foto di jihadisti […]

  

Il blog di Giampaolo Rossi © 2018