“Ognipassoconta”, per chi non può farne

Passo dopo passo, uno dopo l’altro si va lontano. E che siano lenti, veloci o una corsa saranno passi importanti. Si muove lo sport, si muovono i campioni, si muoveranno (si spera) in tanti perchè ogni passo servirà a sostenere l’associazione “Bimbingamba” la Onlus che, in ogni angolo del mondo, aiuta i piccoli che hanno perso gli arti per incidenti, malattie o per le eplosioni di ordigni in zone di guerra nelle spese sanitarie. “Bimbingamba” da sempre ha il viso di Alex Zanardi e Alex Zanardi  da sempre dà il suo volto a Garmin. Un rapporto sportivo, tecnico ed economico che ora diventa qualcosa in più. […]

  

Correre e resistere, da un mare all’altro

10410166_891929360848837_5362955399326373024_n (1)

Correre e resistere. Forse è lo stesso concetto almeno in certi momenti. Correre e resistere per se stessi, per dare una mano a chi è meno fortunato, per togliersi un peso. Ivana di Martino, milanese, tre figli, runner  ma non per mestiere è un po’ che corre e resiste, da quando aveva undici anni per mettersi dietro suo fratello. Poi  si diventa grandi e le sfide cambiano ma  la passione resta.  E così “Correre fa parte di me- scrive sul suo sito (http://www.ivanadimartino.com)- E’ amore. E’ il mio respiro. E’la mia vita…”. E allora si va . Non ci si ferma anche se […]

  

Granfondo Colnago, un festival della bici

gf-colnago-p

Tre giorni, diecimila ciclisti, venti nazioni rappresentate, più di mille volontari sulle strade, un paese che allestirà tutte le sue vetrine in onore della corsa e anche una notte bianca perchè il ciclismo non è solo fatica.  Con la presentazione ufficiale al Castello di Desenzano del Garda (Bs), è iniziato  il conto alla rovescia per la terza edizione del Colnago Cycling Festival che il 15, 16 e 17 maggio radunerà sulle rive del lago di Garda il popolo della bici. L’evento voluto da Ernesto Colnago che dall’anno scorso è cittadino onorario di Desenzano, è accolto a braccia aperte dall’amministrazione comunale di […]

  

Zaffaroni in Nepal: “Stiamo bene…”

«Non si capisce esattamente come sia la situazione, ma sicuramente si va tutti in giù . Il problema è che a valle la situazione è drammatica e quindi sembra che ci siano delle difficoltà logistiche per trasportare gli alpinisti. Sicuramente oggi e domani resteremo al campo base, poi prenderemo le giuste decisioni. Comunque potete stare tranquilli che noi stiamo bene». Marco Zaffaroni  e suo compagno di spedizione Roberto Boscato, che stavano tentando la conquista dell’Everest con uno sherpa senza ossigeno sono ancora fermi al Campo Uno dell’Everest. Danno notizie di loro dal blog  “Everest 2015 in stile gitante” e in tanti tirano un sospiro […]

  

Londra, la maratona di Paula…

VIRGIN MONEY LONDON MARATHON, BRITAIN - 26 APR 2015VIRGIN MONEY LONDON MARATHON, BRITAIN - 26 APR 2015

Poi uno vede la maratona di Londra e capisce che c’è differenza. Non è un fatto di cifre. I numeri contano ma la differenza la fanno altre cose.  La tradizione, l’accoglienza, il pubblico, i campioni che si dice sempre che non contano ma alla fine contano. La differenza la fa il clima che non è il meteo che a Londra non è mai chissà cosa. E’ la  sensazione dell’evento, di farne parte, di essere protagonisti al pari (quasi) del keniano  Eliud Kipchoge che dopo 42 chilometri gela in volata  Wilson Kipsang in  2:04.42. Al pari de Jenson Button, l’ex pilota Mc Laren che esordisce in […]

  

Lo sport rispetta l’ambiente?

sellaronda_mtb_tour_2012_img(4)

Lo sport rispetta l’ambiente? Quasi mai. Basta dare un’occhiata ai bordi delle strade quando si corre o si pedala. Basta vedere cosa sucede ai ristori delle gare, della maggior parte delle gare. Poi per fortuna c’è chi raccoglie, c’è chi pulisce, chi rimette tutte le cose a posto. Fa parte della nostra cultura gettare tutto a terra.  Chissà perchè poi. Forse perchè fermarsi a un ristoro, bere e poi gettare il bicchierino di plastica in un bidone ci fa sentire meno campioni? Saranno quei venti secondi a fare la differenza? Non sempre è così va detto. Molto sta cambiando e dalla Maratona […]

  

Quando le calze raccontano storie di sport

11146489_461720690649854_6528935401466386436_n

Il Mont Ventoux, venti chilometri di storia scritta con il sudore sull’asfalto francese che il vento non cancella. Il Giro, uno scatto di Pantani, il voltarsi continuo di Gelindo Bordin prima di andare a prendersi l’oro olimpico nella maratona di Seoul,  la corsa infinita Forrest Gump. Nove storie. Nove storie prendono colori diversi. Nove storie che in tanti hanno scritto e che ora vengono raccontate da nove paia di calze. Gialle, Rosa, nere più o meno colorate e molto tecniche. E’ la nuova collezione di The Wonderful Socks (http://www.thewonderfulsocks.com/) presentata ieri sera a Milano nello Store Raschiani di via Borgospesso. […]

  

Il triathlon e il bicchiere mezzo pieno

11009937_893484560690179_4455345404314528487_n

Questo pezzo l’ho scritto e riscritto diverse volte. Capita sempre così quando una cosa ti sta a cuore. Perchè è sempre una bella notizia la nascita di un blog. E’ un po’ come quando apre un giornale, si pubblica un libro: è un segno di vita, di vita libera. E di questi tempi dove i pensieri e le opinioni molti fanno fatica a tollerarli è un ottimo segno. Una boccata d’ossigeno. Ma “46 per cento” firmato da Giovanna Rossi non è solo questo.  E’ un’altra cosa ancora.  Inutile ostinarsi: nella vita nonostante uno programmi, preveda, pianifichi molto capita per caso. Si prende ciò […]

  

In bici alla conquista della transiberiana

unnamed (2)

Chissà cosa penserebbe lo Zar Alessandro Terzo vedendoli passare in bici sulle rotte ferrate che alla fine dell’Ottocento lui ordinò di costruire. Una follia correre la Transiberiana in bici. Una follia o un sogno, dipende dai punti di vista. Ma sempre un’avventura che ti porta la dove nessuno forse potrebbe immaginare. Un mondo conquistato su due ruote, seguendo la via della storia, seguendo la traccia di ferrovia che non è mai stata solo una ferrovia. La transiberiana sono tante cose insieme. Un azzardo, l’esibizione di potenza di un impero, una rotta costruita metro dopo metro, giorno dopo giono da un popolo che si è passato […]

  

Maratona di Boston, storie che tornano

119th Boston Marathon

La maratona sono tante storie. Ognuno la sua. Anche a Boston perchè da Hopkinton, nel Massachusetts, fino in centro sono 42 chilometri di leggenda scritta sull’asfalto della corsa più antica e forse più dura del mondo con quella sua collina spaccacuore a dieci chilometrii dall’arrivo. Storie che si intrecciano e che spesso ritornano. A cominciare da quella del vincitore, Lelisa Desisa, un 25enne dell’Etiopia che al 4o chilometro ha accelerato ed è andato a vincere la 119ma edizione in 2 ore e nove minuti.  Nessun record, ma poco importa. Aveva vinto anche due anni fa.  E fece ciò che fanno i vincitori: sorrise, alzò le […]

  

Molinari, eroe in terra francese ( ma noi pensiamo al derby)

INTERNATIONAL CANNES TRIATHLON 2015

La Costa azzurra per una domenica è più azzurra che non si può e forse ai francesi “un po’ gli girano…” Poco però.  In fatto di cultura sportiva i cugini sono avanti e, anzi,  ci danno anche qualche lezione. Così l’omaggio a Giulio Molinari,  l’azzurro che ieri ha dominato il triathlon lungo di Cannes, non arriva come dovrebbe dai fogli italiani  ma proprio dall’Equipe, un pezzo scritto di storia dello sport non solo in Francia, il giornale giallo che ha dato il colore alla maglia del tour e che ha il coraggio di raccontare di calcio ma anche di pallamano. […]

  

E prima di Expo una corsa “elettrica”

29asus_to

Ogni corsa dà una bella scarica di adrenalina. Ma questa di più. Una corsa elettrica nel vero senso della parola perchè la Electric run  che si correrà la sera del 25 apile  a Monza è davvero un trionfo di luci oltrechè di sport. Cinque chilometri all’interno del parco nel segno del divertimento perchè anche in questa direzione va oggi il running che non è solo chilometri (tanti) e  fatica. Checchè ne dicano i puristi. Cinque chilometri dove si corre, si balla e ci si diverte proprio alla vigilia di Expo che sembrano davvero un fuoco di artificio. “Sono molto soddisfatto […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2017