Swimrun…e poi una pinta di birra

pippaemail ruzzo - ruzzo -email ruzzo - ruzzo -

Si nuota e si corre ma è un’altra cosa. Intanto perchè si nuota con le scarpe da running e si corre con la muta. E questo già potrebbe bastare. E invece no, nello swimrun l’asticella si alza molto di più. Più del nuoto e più della corsa e più di tutte e due le cose messe insieme. Perchè bisogna avere coraggio tuffarsi in un lago gelido magari dell’Europa del nord, perchè bisogna nuotare per chilometri e poi uscire dall’acqua e poi correre ancora per altri chilometri. Perchè poi bisogna ancora tuffarsi nell’acqua e poi correre tra sentieri e montagne fino […]

  

Basso, ricomincio da me..

bas

La differenza la fa il segno degli occhiali perchè la faccia è quella tirata di sempre. E le gambe anche quasi come alla vigilia di un Giro che riparte. Il segno dell’abbronzatura però non c’è più ma Ivan Basso la parola «ex» non la pronuncia mai.Gli ex vivono di gloria, finchè dura, e a volte di comparsate. Lui no. Perchè le stagioni passano e Ivan, che resta «il terribile» come lo chiamavano quando era piccolo e cominciava a vincere le corse, la gloria l’ha appesa al chiodo. Quella sì. Ora si ricomincia con la bici che resta al suo fianco […]

  

L’America di Paola

usausa2

Ognuno ha un’America da conquistare. Esploratori, viaggiatori, migranti, turisti, cervelli che fuggono, sportivi e maratoneti. Anche ciclisti.  Paola Gianotti è una che pedala. Va forte, anzi fortissimo ma soprattutto è una che va lontano. Due anni fa in bici ha fatto il giro del mondo attraversando quattro continenti e venticinque paesi in 144 giorni e battendo il Guinness World Record come donna più veloce di sempre. L’anno scorso ha corso la  Red Bull Trans Siberian Extreme, la gara a tappe più estrema al mondo, 9.200 chilometri sul mitico tracciato della Transiberiana da Mosca a Vladivostok, salendo sul podio. Pochi mesi fa […]

  

Cuore e sport, un supercentro al Monzino

Negli ultimi mesi purtroppo è stata l’attualità a portare sulle pagine dei giornali  la morte di alcuni atleti durante maratone e mezze maratone. Problemi cardiaci più o meno noti, più o meno diagnosticati, che sono un numero da zero virgola in statistica ma che però destano emozione fortissima e anche preoccupazione. Ora per atleti, aspiranti maratoneti, triatleti ma anche  viaggiatori amanti delle alte vette, c’è una struttura ad hoc, con tecnologie d’avanguardia per capire di più su come si comporta il cuore di uno sportivo: il  Monzino Sport. Il nuovo centro avanzato di cardiologia riunisce le competenze e le tecnologie […]

  

Monza, bici in pista

mon

Si spengono i motori per una notte a Monza. Cala il silenzio sull’asfalto dove di solito sfrecciano Ferrari e Mercedes. L’11 e il 12 di giugno i bolidi saranno infatti le biciclette per la seconda tappa della «12H Cycling Marathon» la sfida che comincerà al tramonto e si concluderà all’alba e che quest’anno raddoppia perchè il 24 e 25 settembre toccherà anche al Misano World Circuit ospitare l’evento sulla magica pista su cui qualche anno si correva il Gran Premio di San Marino. Così per dodici ore filate senza mai smettere i ciclisti si impossesseranno di paddock e pista. Squadre […]

  

Cigana, il re di Sicilia punta su Venezia

ciga

E fanno settantaquattro. Massimo Cigana torna nella terra di Montalbano e fissa il  74mo sigillo della sua seconda vita agonistica  scrivendo un’altra pagina importante in una storia che sembra un po’ un romanzo “travagliato”  nello stile di Camilleri.  Ma con la Sicilia Cigana c’entra poco, se non fosse che a Trapani, dove ieri si correva il “Trapaniman” un half triathlon dove il sole ti abbrustolisce la pelle più che altrove perchè risplende sulle saline,  era il  sovrano in carica e voleva riconfermarsi al trono. Lui infatti è di Carpenedo, dalle parti di Mestre,  più avvezzo alla Laguna e ai venti che […]

  

Idroscalo, la Scala del triathlon

13043354_10209323037899075_8710313160090093069_n

Matteo Annovazzi , prima di partire per Trapani dove oggi toccherà a lui gareggiare, fa un bilancio  del Triathlon di Milano che ha riportato all’ Idroscalo di Milano. E si capisce che è soddisfatto. “Si, mi pare sia andato tutto bene- spiega  uno dei responsabili di Eco Race- l’unica criticità è il rientro dei triatleti dalla frazione di bici. Per il resto devo dire che fino ad ora vedo facce soddisfatte…”. La scommessa era un po’ quella lì. Far girare 500 atleti in un circuito totalmente protetto dalle auto da ripetere sette volte poteva creare qualche complicazione e invece, a parte […]

  

Eroi a pedali…

826c1735-dbc2-4d2b-b38f-499442336d29

Forse gli eroi sono altri. O forse no. Perchè per correre in bici tanti anni fa un po’ eroi bisognava esserlo. Le bici erano quelle che erano. E le strade anche. Niente carbonio,  niente elettronica, niente integratori, niente di niente. Come diceva Alfredo Binda, e non a caso la sua frase è diventata storia, per correre allora ci volevano i <garun…> e non serve tradurre per capire che bisognava esser tosti. Forse la fatica era di più. Certo che le facce erano antiche già da giovani e le rughe più profonde, cotte dal sole e dal freddo. Non c’era tempo […]

  

Il triathlon alla conquista di Milano

triathlon_di_milano_eco_race

Cinquecento atleti al via. Cinquecento triatleti che domani un paio d’ore dopo mezzogiorno si tufferanno nelle acque dell’Idroscalo per  correre  in quello che era una volta il Triathlon di Milano e vorrebbe riannodarne il racconto. “La volontà è quella di riportare questa gara  ai livelli che le competono- spiegano gli organizzatori di Eco Race- visto che si tratta di  una delle più vecchie e titolate manifestazioni italiane di triathlon, organizzata per la prima volta nel 1986″. Del “Triathlon Internazionale di Milano” Eco Race ne raccoglie l’eredità e la storia segnata dalle vittorie di grandi campioni italiani e stranieri. Da  Vladimir Polikarpenko che qui […]

  

Bimbi e sport, l’Italia arranca

Se  Milano, che è Milano, chiede il conto ad una associazione che gratuitamente promuove lo sport nelle scuole per avvicinare i bambini ad un benesere che non è solo fisico, qualcosa che non funziona c’è. Se si chiede di pagare l’affitto dell’Arena, l’impianto microfonico e gli straordinari dei vigili a chi organizza i Trofei di Milano che portano in pista 40mila studenti mettendo una pezza a ciò che la scuola non fa e non può fare significa che questo Paese arranca ed è destinato a restare in retrovia. Un Paese che non investe nello sport per i ragazzi delle scuole […]

  

Eroi a pedali

826c1735-dbc2-4d2b-b38f-499442336d29

Forse gli eroi sono altri. O forse no. Perchè per correre in bici tanti anni fa un po’ eroi bisognava esserlo. Le bici erano quelle che erano. E le strade anche. Niente carbonio,  niente elettronica, niente integratori, niente di niente. Come diceva Alfredo Binda, e non a caso la sua frase è diventata storia, per correre allora ci volevano i <garun…> e non serve tradurre per capire che bisognava esser tosti. Forse la fatica era di più. Certo che le facce erano antiche già da giovani e le rughe più profonde, cotte dal sole e dal freddo. Non c’era tempo […]

  

Metti una sera le bici in vetrina….

cami4cami5rachia3

Metti un sera in centro a Milano. Nell’ora in cui la città santifica il rito pagano dell’aperitivo e i locali che fanno tendenza si riempiono. Metti che un negozio di alta moda si trasformi in un’officina per biciclette con tanto di meccanico, pedivelle e chiavi appese alle pareti e anche in una sartoria come quelle che c’erano una volta con macchina per cucire e una sarta che rifinisce asole e polsini o cuce bottoni. Metti che un marchio italiano come «Camicissima» nato dall’esperienza di Fenicia e presente sul mercato italiano dal 1931 con più di 150 negozi decida di «convolare» […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2017