Maratona di Roma bagnata: dominio etiope

Sotto il diluvio. Maratona bagnata quella di Roma che si è corsa stamattina con il record di iscritti: quasi ventimila.  Ma la pioggia non ha cambiato il destino della ventesima edizione: solito dominio africano. Doppietta etiope infatti con  Legese Shume Hailu che si  con il tempo di 2h09:47, davanti al connazionale Mekonnen Sisay Jisa (2h11:20) e al keniano Leonard Kipkoech Langat, terzo in 2h14:08. Quarto Domenico Ricatti (2h15:07). Tra le donne successo ancora etiope con Geda Ayelu Lemma in 2h34:49, che ha tagliato il traguardo davanti alla marocchina Janat Hanane (2h38:08). Sul podio l’azzurra Emma Quaglia, terza in 2h43:24. Poker […]

  

Maratona di Roma, è già record di stranieri

La prossima sarà l’edizione numero venti. E venti è un numero che comincia già a fare storia. Ma la Maratona di Roma la storia la fa anche con altri numeri, a cominciare da quello degli iscritti che continuano a crescere e ormai la pongono tra le maratone più importanti al mondo. Certo, c’è’ la vocazione di una città che è una delle mete turistiche più affascinanti che si possano scegliere,  che ha dalla sua storia, cultura, ospitalità e anche il clima.  Ma non sempre queste sono condizioni sufficienti a far crescere una marataona che resta comunque un evento sportivo da promuovere e […]

  

Maratona di Roma, gli iscritti e la rivincita di Fantozzi

Altro che Fantozzi e Filini…<ragioniere mi dichi, geometra vadi avanti lei…>. Altro che assurde partite a tennis nelle nebbiose albe milanesi o improbabili uscite in bici con le maglie di lana grezza e le selle che si staccano. La rivincita sportiva degli impiegati parte da Roma e comincia ( se mai è iniziata) proprio da una delle discipline più dure e affascinanti: la maratona. Sì perchè proprio i tanto bistrattati impiegati saranno la categoria professionale più numerosa al via della 19ma AceaMaratona di Roma che si corre domenica prossima con ben 1984 iscritti. Una bella truppa che nulla ha a che spartite con le […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2020