Correre sull’Adamello, la magia del trail

600PX-adamello-ultra-trail-edizione-zero-2014-foto-archivio-Adamello-Ultra-Trail

Pari.  Dopo 180 chilometri, un dislivello di 9500 metri e oltre 26 ore di gara l’altoatesino di Egna Jimmy Pellegrini e il bergamasco di Valgandino, Oliviero Bosatelli, tagliano insieme il traguardo in Piazza IV Luglio a Vezza D’Oglio. Niente volata. Non ce n’è bisogno, può bastare.  L’ Adamello Ultra Trail finisce così. Ed è un finale che spiega tante cose. Che spiega che differenza c’è tra un trail, una corsa, una maratona. E’ un altro mondo il trail.  E non è solo un fatto di scarpe. Un mondo che guarda all’insù, che conosce la fatica, che si arrampica dove neppure si immagina. Un mondo che corre di […]

  

Di corsa nelle trincee della Grande Guerra

Nuova immagine3Nuova immagine4

Centottanta chilometri di corsa. Centottanta chilometri tra i Parchi naturali dell’Adamello e dello Stelvio proprio nel periodo più bello, quello dove la luce della montagna è più chiara e quando i cervi vanno in amore. Centottanta chilometri tra le trincee della Grande guerra, la Guerra bianca che su queste cime si contendeva i confini tra l’Italia e l’Impero Austro-ungarico. Centottanta chilometri tra strade militari, fortezze, villaggi che testimoniano il passato della «Muraglia Camuna» che serpeggia per chilometri tra rocce e cielo dalla Bocchetta di Valmassa al villaggio alpino di Montozzo, dai forti Mero e Zaccarana alla Città morta. Una corsa […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2020