Obama: soldi e armi ai ribelli moderati siriani

L’America non molla la presa sulla Siria. In un discorso pronunciato all’accademia militare di West Point, Barack Obama ha annunciato il cambio di linea: basta tentennamenti, gli Stati Uniti rafforzeranno il loro appoggio ai ribelli siriani che combattono contro le forze di Assad, per aiutarli anche nello scontro con i rivali estremisti.“Lavorerò con il Congresso per rafforzare il sostegno all’opposizione siriana che rappresenta la migliore alternativa ai terroristi e ad un dittatore brutale”. Il cambio di rotta era stato anticipato dal “Wall Street Journal“, che aveva accennato all’intenzione della Casa Bianca di addestrare i “ribelli moderati“: una mossa, questa, che […]

  

Obama in una riserva indiana

Il presidente degli Stati Uniti visiterà, a giugno, una riserva indiana in North Dakota. Non succede spesso dunque fa notizia. L’amministrazione Obama intende dare un segnale del suo impegno per migliorare la vita dei “native americans“. Non si conosce ancora il nome della riserva prescelta, ma c’è un indizio: Jodi Gilette, consigliere della Casa Bianca per le politiche dei nativi americani, è sorella del presidente della Standing Rock Sioux Tribe del North Dakota. Potrebbe essere questa, dunque, la scelta di Obama. Prima di lui Bill Clinton nel 1999 aveva visitato la riserva indiana di Pine Ridge, dove si trova il […]

  

Usa, nuovo schiaffo ai Tea Party

Ancora una battuta d’arresto per i candidati repubblicani sostenuti dai Tea Party, usciti sconfitti nell’ultima tappa delle primarie del Grand Old Party (Gop) in vista delle elezioni di Midterm di novembre. Nel Super Tuesday del 20 maggio si è votato in cinque Stati: Arkansas, Idaho, Kentucky, Oregon e Pennsylvanya. Ovunque i candidati sostenuti dal movimento antitasse sono stati bocciati. Nonostante la forte disaffezione per il Congresso e la politica di Washington, sembra dunque prevalere la stanchezza verso la politica troppo gridata, quella del muro contro muro portata avanti dalla parte più a destra del partito repubblicano, che negli ultimi anni […]

  

New York, 21 anni per comprare sigarette

L’ultima eredità che l’ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha lasciato alla sua città è l’innalzamento dell’età minima per acquistare sigarette, che passa da 18 a 21 anni. Ha firmato l’ordinanza il 19 novembre scorso, poco prima di terminare il suo mandato. Dopo l’entrata in vigore ora molti esercizi espongono i cartelli “Under 21, no tobacco“. I controlli sono molto severi: per acquistare sigarette bisogna esibire un documento d’identità e i negozianti devono passarlo sotto uno scanner che ne verifica l’autenticità. Il limite riguarda anche l’acquisto delle sigarette elettroniche e gli altri tipi di tabacco. A New York è […]

  

Il Nobel fece arrabbiare Obama

Contrariamente a quanto si possa immaginare quando gli dissero che aveva vinto il premio Nobel per la pace Obama non fece salti di gioia ma, anzi, si irritò molto. Ovviamente senza dirlo a nessuno, se non ai più stretti collaboratori. Il riconoscimento, infatti, gli creò non pochi imbarazzi. A rivelarlo, a quasi cinque anni di distanza, è un diplomatico norvegese, Morten Wetland, ambasciatore alle Nazioni Unite dal 2008 al 2012. “Il mio giorno più imbarazzante alle Nazioni Unite è stato quando fu annunciato il premio Nobel per la pace a Obama”, ha raccontato al quotidiano norvegese Dagens Naeringsliv. “Il mio […]

  

11 Settembre, il museo non rispetta l’Islam?

Gli Stati Uniti faticano ancora molto a liberarsi dallo spettro dell’11 Settembre. Prova ne è l’ultima forte polemica scoppiata intorno al museo in ricordo delle vittime degli attacchi alle Torri gemelle, il National September 11 Memorial Museum, che verrà aperto tra pochi giorni alla presenza di Barack Obama, dei parenti delle vittime, dei sopravvissuti, dei primi soccorritori e dei cittadini. L’attesa per l’inaugurazione è stata oscurata da una polemica culturale-religiosa che, per certi aspetti, ha del surreale. Vediamo meglio di cosa si tratta. Alcuni religiosi musulmani sostengono che un documentario proposto ai visitatori del museo legherebbe ingiustamente l’Islam al terrorismo. […]

  

Primarie repubblicane, schiaffo ai Tea Party

Nessuno pensi che i Tea Party siano morti. Resta il fatto che il movimento antitasse ha accusato il colpo. Stiamo parlando di una prima tornata di primarie che si è svolta in pochi stati in vista del voto di midterm e che ha fatto registrare una dura battuta d’arresto per i Tea Party, a vantaggio dei candidati dell’establishment repubblicano. I Tea Party però non demordono in vista delle prossime sfide e guardano già alle primarie per la Casa Bianca, sperando di individuare e spingere fino alla vittoria il cavallo vincente, in grado di avere maggiori chance di quelle che ebbe […]

  

Usa, il 20enne orgoglio della destra

C’è un ragazzo di 20 anni che nella destra americana è già una star. Si chiama Tal Fortgang e studia a Princeton. Giuliano Ferrara sul Foglio gli ha dedicato un articolo in prima pagina (“Oggi il mio eroe è un privilegiato che non si vergogna di sé“). Fortgang non si vergogna di essere un privilegiato e a chi all’università ha tentato di zittirlo con la frase “check your privilege” (verifica il tuo privilegio e tienine conto quando parli), un modo come un altro per dire “prima di parlare cerca di ricordare di chi sei figlio e come sei arrivato qui, […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2018