Ma cosa deve fare Obama?

Molti criticano gli Stati Uniti per la guerra contro l’Isis. Se la prendono con Obama per gli errori fatti in politica estera e l’appoggio dato a questo o a quel regime, a seconda del momento e della convenienza. Lo insultano perché, nonostante le belle parole – vedi discorso al Cairo (video) – che gli hanno fruttato il Premio Nobel per la Pace (che peraltro non si è assegnato da solo), non ha esitato a fare fuoco contro i regimi considerati “scomodi”, direttamente o foraggiando le forze di opposizione. Ora, di sicuro l’amministrazione Usa ha le proprie responsabilità: quanti errori ha […]

  

Obama: 40 Paesi contro l’Isis

Ribadisce il punto con una certa insistenza: “Abbiamo cominciato a colpire gli obiettivi in Siria con i nostri alleati. La forza di questa coalizione dà una segnale chiaro al mondo: questa non è solo una guerra dell’America”. Barack Obama tiene a precisare che l’America non è da sola nella lotta contro il terrorismo. Il presidente degli Stati Uniti lo sottolinea prima di lasciare la Casa Bianca per raggiungere New York, per il vertice sul clima delle Nazioni Unite. “La gente e i governi del Medio Oriente stanno respingendo l’Isis e difendendo la pace e la sicurezza che la popolazione della […]

  

Isis, per Leon Panetta è colpa (anche) di Obama

Se l’Isis è diventato così forte la colpa è anche di Obama. A dirlo, in un’intervista sulla Cbs, è Leon Panetta, per un anno e mezzo segretario della Difesa di Obama.  La tesi di Panetta non si limita a una generica accusa ma è circostanziata:  la crescita degli estremisti dell’Isis è stata in parte dovuta alla decisione del presidente degli Stati Uniti di non armare in passato i ribelli moderati in Siria. “Il punto fondamentale era capire come sviluppare un gruppo che prendesse la leadership dell’opposizione. La mia opinione è che avremmo dovuto fornire le armi e l’addestramento in modo […]

  

Guerra all’Isis, sì bipartisan del Congresso Usa

Sì definitivo del Senato americano (78 voti a favore, 22 contrari) alla risoluzione che autorizza l’appoggio ai ribelli siriani anche con armi e addestramento. Il piano, già approvato dalla Camera dei rappresentanti mercoledì, non dà carta bianca al governo ma richiede all’amministrazione di riferire al Congresso ogni 90 giorni sulla sua esecuzione, il numero dei combattenti addestrati, la selezione dei gruppi siriani che usufruiscono degli aiuti e l’uso di armi e attrezzature consegnate.  Il progetto di legge non comprende crediti aggiuntivi per finanziare l’operazione e precisa chiaramente che esso non costituisce in alcun caso un’autorizzazione per il dispiegamento di soldati […]

  

L’italiano che insegna agli Usa: non morite di statalismo come l’Europa

C’è un italiano che sta riscuotendo successo negli Stati Uniti per i suoi discorsi accalorati contro le politiche stataliste e per il suo invito agli americani a non imitare l’Europa. Si chiama Luca Bocci, è un giornalista toscano di 42 anni. Da quattro lavora a Londra per un’importante agenzia video internazionale. Ex portavoce di Tea Party Italia, quasi ovunque negli States riceve standing ovations e le persone, dopo averlo sentito parlare, fanno la fila per stringergli la mano. Lui stesso è sorpreso da tanto clamore:  “Non mi sarei mai aspettato niente del genere. Al massimo pensavo di essere solo una […]

  

11 Settembre, l’America ha ancora paura

Tredici anni dopo quel maledetto 11 Settembre l’America ha ancora paura. Le brutali decapitazioni dei giornalisti James Foley e Steven Sotloff ad opera dell’Isis e le nuove minacce dei terroristi islamici hanno toccato un nervo ancora scoperto nell’opinione pubblica. Quasi un americano su due, il 47% per la precisione, è convinto che il proprio paese sia meno sicuro di quanto non fosse prima dell’11 settembre: lo rivela un nuovo sondaggio Wall Street Journal/Nbc. A un anno dal crollo delle Torri Gemelle, nel settembre 2002, un rilevamento aveva misurato al 20% la percentuale del Paese in apprensione, mentre l’anno scorso 28 […]

  

Obama, l’Isis, i cristiani e il Giornale.it

Obama sta limando gli ultimi dettagli prima di annunciare (mercoledì) il piano di battaglia contro l’Isis in Iraq e in Siria. Un piano che sarà articolato in tre fasi e durerà alcuni anni. Il New York Times, citando fonti dell’amministrazione statunitense, parla di tre anni. L’impegno potrebbe durare per tutto il resto del mandato di Obama. La prima fase, limitata ai raid aerei, è in atto e sta dando buoni risultati. La seconda partirà non appena l’Iraq avrà formato un nuovo governo: si concenterà sull’addestramento e sull’equipaggiamento dei militari irachene, dei combattenti curdi (forse anche di alcuni gruppi sunniti). La […]

  

Il Ku Klux Klan rialza la testa?

La maggior parte di loro non va più in giro incappucciata e non progetta di appendere le persone di colore agli alberi. Per il resto i simpatizzanti del Ku Klu Klan non sono molto diversi dai loro antenati. Per cercare nuovi iscritti battono a tappeto gli Stati Uniti. Lo slogan è molto semplice: “Save our land. Join the Klan”. Il bersaglio, come si legge sui volantini che molti abitanti di Tennessee, Texas, South Carolina, Illinois, Pennsylvania, California e New York hanno trovato nelle cassette della posta o sui parabrezza, sono gli immigrati. Alcuni sono stati trovati anche negli Hamptons, all’estremità […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2018