Telefoni spiati? Senato Usa: tutto regolare

Ha fatto scalpore la notizia, divulgata dal quotidiano brittanico The Guardian, sul “Grande fratello” americano che controlla milioni di cittadini attraverso le loro telefonate. Ma per i leader della Commissione Intelligence del Senato, la democratica Dianne Feinstein e il repubblicano Saxby Chambliss, non c’è alcuno scoop: “Il Congresso è stato informato di questi controlli, come capita da anni. Non c’è nulla di nuovo. È tutto legale” (leggi l’articolo del Washington Post). E a dirlo sono sia i repubblicani, sia i democratici, smontando di fatto il clamore che ha accompagnato la rivelazione delle intercettazioni sulla rete Verizon. I due senatori difendono […]

  

Ministro di Obama fece spiare un giornalista

Grosso guaio a Washington. A far spiare i giornalisti sarebbe stato Eric Holder, il ministro della giustizia di Obama. L’Nbc rivela che sarebbe stato lui a firmare, personalmente, il mandato che ha consentito al Dipartimento di Giustizia di accedere all’e-mail del giornalista della Fox James Rosen. Il reporter è accusato di complicità in “cospirazione” per una fuga di notizie legata alla minaccia nucleare della Corea del Nord. Un caso che ha sollevato un gran polverone e ha spinto il New York Times e il Washington Post, con due editoriali molto duri, ad accusare l’amministrazione Obama di minacciare i diritti costituzionali […]

  

Obama ha fatto spiare i telefoni dei giornalisti

Il Dipartimento di Giustizia Usa per due mesi ha registrato le telefonate dei giornalisti dell’agenzia Associated Press, archiviando le chiamate di lavoro in uscita e i numeri di telefono personali dei giornalisti delle sedi  di New York, Hartford e Washington (non è ancora chiaro se siano state archiviate anche le chiamate in arrivo e la durata delle conversazioni). In tutto il governo americano è venuto in possesso delle registrazioni di più di 20 linee telefoniche assegnate ad Ap ed ai suoi giornalisti nel mese di aprile e maggio del 2012. Il numero esatto dei giornalisti intercettati non è noto, ma […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019