Veleni Trump-McCain

Trump visita l'unico stabilimento di produzione di carri armati rimasto negli Stati Uniti

John McCain è morto da mesi ma per Trump non importa. Nemici erano e nemici restano. Così il presidente è tornato ad accusare McCain, dicendo che è stato lui a far trapelare, durante le primarie repubblicane, un dossier controverso su di lui dell’ex spia britannica Christopher Steele. “È stato davvero così – scrive su Twitter – appena dimostrato dai documenti della corte, l’ultimo della classe (di Annapolis) John McCain ha inviato il falso dossier all’Fbi e ai media sperando di vederlo pubblicato prima delle elezioni. Lui e i Democratici, suoi alleati, hanno fallito (come al solito). Anche i media fake […]

  

La vendetta di Trump

REX DONALD TRUMP CAMPAIGN RALLY DENVER

Non lo amano. E lui non li ama. La battaglia tra l’establishment del Partito repubblicano e Donald Trump è sempre più cruenta. Al punto che Trump, ormai stufo delle continue punzecchiature ricevute, decide di passare al contrattacco. Ecco come: niente sostegno allo speaker della Camera, Paul Ryan (l’8 novembre oltre alle presidenziali si rinnova tutta la Camera ed un terzo del Senato) e neanche al senatore John McCain, due “pezzi da novanta” del partito dell’elefante, entrambi impegnati nella campagna elettorale per le rispettive elezioni. Le parole di Trump suonano come una “sfida”, ma c’era da aspettarselo dopo le dure presde […]

  

McCain stronca Trump: “Non deve diffamare”

John McCainTrump_Khan

Non si placano le polemiche dopo il duro botta e risposta tra Donald Trump e l’avvocato Khizir Khan, padre del capitano Usa musulmano morto in Iraq nel 2004 (leggi l’articolo). A prendere le distanze da Trump, dopo lo speaker della Camera Paul Ryan e il capogruppo del Gop in Senato, Mitch McConnell, c’è ora anche il senatore John McCain, candidato alla Casa bianca contro Barack Obama nel 2008. “Il nostro partito gli ha dato la nomination – scrive in una nota Mccain – che però non è associata a una licenza illimitata di diffamare coloro che tra noi sono i […]

  

McCain apre a Trump

John McCain

Nei giorni scorsi abbiamo registrato diverse prese di distanza da Donald Trump in seno al Partito repubblicano: la famiglia Bush, Mitt Romney, Paul Ryan (quest’ultimo però ha lasciato la porta aperta, si vedrà con Trump giovedì). Oggi invece segnaliamo un’importante apertura  nei suoi confronti, quella del senatore John McCain, candidato alla Casa Bianca nel 2008. McCain afferma che il miliardario newyorkese “potrebbe essere un leader capace”. In un’intervista alla Cnn McCain ribadisce che “sosterrà il candidato repubblicano” e critica i colleghi di partito che non lo stanno facendo. “Bisogna arrivare alla conclusione che vi sia una certa distanza, se non […]

  

Trump: Cruz non può essere eletto

Trump_Cruz

Con un un’intervista al Washington Post Trump sferra un duro attacco a Ted Cruz, il senatore del Texas che, guardando i sondaggi, più lo impensierisce in questo momento (specie in Iowa). Lo fa sollevando un polverone sulla presunta ineleggibilità di Cruz, dovuta al fatto che è nato in Canada. In base alla legge per diventare presidenti degli Stati Uniti bisogna essere nati sul suolo americano, anche se in passato vi sono state delle eccezioni. Ad esempio quella di John McCain: il senatore dell’Arizona è nato a Colón (Panama), ma ha potuto candidarsi alla Casa Bianca perché dichiarato “natural born” dal […]

  

Usa 2016: non toccate i veterani di guerra

Trump_McCain

Sembrerà strano ma nel nervoso dibattito politico americano si polemizza anche sul Vietnam. Ad accendere le polveri è stato Donald Trump, sparando ad alzo zero contro il senatore John McCain, candidato alla Casa Bianca per i repubblicani nel 2008, veterano di guerra e prigioniero per quasi sei anni in Vietnam. Trump ha usato parole di fuoco contro di lui: “E’ diventato un eroe solo perchè è stato fatto prigioniero. A me piacciono le persone che non si fanno prendere”. Subito si è accesa la polemica, con molti candidati del Gop che hanno preso le distanze dal miliardario. Rick Perry è […]

  

McCain ai repubblicani: non degni di Reagan

Alla destra americana toccate tutto meno Ronald Reagan. Eppure il senatore (repubblicano) John McCain si scaglia contro una parte del proprio partito citando proprio lui, uno dei presidenti più amati dal Gop, l’uomo che ha rilanciato il liberismo e sconfitto il comunismo. Lo fa toccando un delicato tema di politica estera, la crisi ucraina. “Potete anche dirvi repubblicani – dice McCain ai suoi colleghi – perché vi siete registrati così per le elezioni, ma non chiamatevi repubblicani reganiani. Ronald Reagan non avrebbe mai fatto passare questa aggressione senza una risposta del popolo americano”. Ma per quale ragione McCain si scalda […]

  

McCain: Obama peggio di Carter

Prima di conquistarsi una discreta fama come abile negoziatore sui più disparati scenari internazionali, e di ottenere il premio Nobel per la Pace (2002), Jimmy Carter divenne famoso, negli Stati Uniti, come uno dei presidenti più deboli della storia a stelle e strisce. Fu soprattutto il fallimento della politica estera in Medio Oriente il suo punto debole, che gli causò la disapprovazione di molti americani. Ma anche le sue “aperture” nei confronti del comunismo non venne apprezzata, in particolare l’abolizione del McCarran Act che vietava l’ingresso degli “amici di Mosca” sul territorio americano. Apertura su cui poi fece parzialmente marcia […]

  

McCain va in Siria e incontra i ribelli

Il senatore americano John McCain è entrato in Siria dalla Turchia e per alcune ore ha incontrato i ribelli siriani. Lo ha confermato alla Cnn lo staff del senatore repubblicano dell’Arizona, il più alto rappresentante eletto degli Stati Uniti ad aver visitato il paese sconvolto dalla guerra civile. Brian Rogers, direttore della comunicazione del senatore, ha confermato la notizia inizialmente riportata dal Daily Beast. Fortemente critico di Obama per la gestione statunitense della crisi in Siria, McCain ha incontrato il generale Salem Idris, capo del Consiglio militare supremo dell’esercito siriano libero. I ribelli auspicano l’appoggio della comunità internazionale, a partire dagli […]

  

Biden: senza crisi economica McCain avrebbe vinto

I repubblicani avrebbero vinto nel 2008, conquistando la Casa Bianca con John McCain, se l’economia non fosse affondata. Può sembrare la scoperta dell’acqua calda ma, visto che a sottolinearlo è Joe Biden, vice presidente Usa, la frase è comunque degna di nota. “La verità, e Barack lo sa, è che se l’economia non fosse collassata John avrebbe vinto, anche se con un margine molto, molto, molto sottile”, sotolinea Biden intervenendo, in Arizona, a un incontro con McCain, con il quale ha condiviso decenni in Senato. I due poi hanno discusso di terrorismo, tortura e controllo delle armi, con il vicepresidente […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019