Trump-Romney, l’odio diventa amore

EXC PRESIDENT-ELECT DONALD TRUMP AND MITT ROMNE AT DINNER

La prova del nove che Donald Trump vuole ricucire con il Partito repubblicano è arrivata. Pace fatta con Mitt Romney. E quest’ultimo, archiviate le palate di fango dei mesi scorsi (date e ricevute), afferma che Trump è l’uomo che può imprimere una svolta positiva alla politica americana. Cosa c’è di strano in tutto questo? Durante tutta la campagna elettorale i due si sono massacrati. Romney ce l’ha messa tutta per sbarrare la strada a Trump durante le primarie del Gop. E tra i due sono volate parole pesanti, insulti compresi. Ma con la vittoria di Trump le cose sono cambiate. […]

  

Trump avverte i repubblicani

trump_mima_pistola

Stanco di non sentirsi troppo amato da una parte del suo partito, per il quale correrà alla Casa Bianca, Donald Trump mette in guardia i membri del Congresso del Grand Old Party: uniti dietro di me o il partito repubblicano rischia di perdere Camera e Senato. In un comizio a Tampa, in Florida, il tycoon ha invitato il Gop ad agire compatto, a vincere insieme. Ed ha sferzato i senatori repubblicani ancora recalcitranti davanti alla sua candidatura. Pur dicendosi convinto di poter vincere le elezioni (regola numero uno: mai mostrarsi titubante e scoraggiato), ha avvisato che i seggi del partito […]

  

Romney sta con Ted Cruz

Former U.S. presidential candidate Romney speaks to the Conservative Political Action Conference in National Harbor, Maryland

Alla fine Mitt Romney ha deciso: appoggerà Ted Cruz. Il candidato repubblicano alla presidenza nel 2012 dà il proprio endorsement al senatore texano con l’obiettivo di sconfiggere Donald Trump, favorito per la nomination presidenziale e in testa, nella corsa del Gop, con 678 delegati (per vincere ne servono 1.273). Cruz lo segue con 423 delegati, ancora più distanziato John Kasich, a quota 143. In un messaggio diffuso su Facebook, Romney ha chiesto ai repubblicani di votare Cruz nei caucus in Utah in programma il prossimo 22 marzo, quando si terranno le primarie anche in Arizona e Idaho. Quella dello Utah […]

  

Piano segreto per fermare Trump

Romney

Sembra una “mission impossible” fermare Donald Trump. Al punto che per molti ha già la nomination in tasca. Eppure l’establishment del partito repubblicano tenterà il tutto per tutto per fermare la corsa del tycoon di New York. Spingendosi, forse, fino al punto estremo di mandare a monte le primarie e, in sede di convention, provare a ribaltare i giochi buttando in campo un nome forte, in grado di riunire tutte le anime del Gop. Ne parla il New York Times indicandola come la mossa estrema per evitare la conquista della nomination da parte di Trump, vista come un’ipotesi “catastrofica”. Secondo […]

  

Usa, riecco Mitt Romney

Sembrava stanco, sfiduciato, desideroso solo di godersi i suoi soldi e i numerosi nipoti, dopo la batosta rimediata da Obama nel novembre scorso. Ma il fuoco sacro della politica ha avuto la meglio su Mitt Romney. Ora il miliardario mormone si rimette in pista, desideroso di dare una mano al Partito repubblicano in vista delle elezioni di medio termine, in programma a novembre 2014. Rompendo il silenzio Romney ha fatto sapere di avere molte idee sul suo futuro. Cosa bolle in pentola? Un libro, un grande convegno in Utah con 200 tra amici e candidati, e un appoggio concreto (ancora […]

  

Romney non voleva candidarsi

Di sicuro Mitt Romney non si è ancora ripreso dalla batosta del 6 novembre scorso. Ora veniamo a sapere che (forse) neanche avrebbe voluto candidarsi. Lo rivela uno dei suoi cinque figli, Tagg Romney, in un’intervista al Boston Globe. “Non ho mai incontrato qualcuno che volesse così poco essere presidente. Non aveva alcuna voglia di candidarsi. Se avesse potuto trovare qualcuno per rimpiazzarlo, sarebbe stato felice di cedergli il posto” aggiunge Tagg, precisando che il padre è una persona riservata che tiene molto alla tutela della propria privacy. “Vuole molto bene alla sua famiglia e vuole trascorrere del tempo con […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019