Beto O’Rourke faceva l’hacker…

O'Rourkebeto-orourke

Come tutti si aspettavano Robert Francis O’Rourke, Beto per gli amici, si è candidato per le primarie democratiche in vista delle elezioni presidenziali del 2020. “L’unico modo per essere fedeli alle promesse dell’America è dare tutto per lei e per tutti noi”, ha detto in un videomessaggio, parafrasando una celebre frase di Kennedy. Quarantasei anni O’Rourke è considerato un predestinato. Alle ultime elezioni di midterm ha fatto penare Ted Cruz, che ha dovuto faticare sette camicie per batterlo, riuscindoci alla fine con un distacco risicato. Nell’annunciare la propria candidatura O’Rourke ha parlato di sanità, convivenza, riscaldamento climatico e guerre “vecchie […]

  

I burattinai della Clinton

Hillary Rodham Clintonfinanziarori_bill_hillary

Da quando è entrata in politica, candidandosi per il Senato, Hillary Clinton ha raccolto 455 milioni di dollari (compresi quelli raccolti dai Super Pac a lei vicini). In 41 anni lei e il marito sono riusciti a farsi generosamente elargire, tra campagne elettorali e fondazione, la bellezza di 3 miliardi di dollari. Un’inchiesta del Washington Post ha ricostruito una lista di 336mila donatori, tra persone fisiche, aziende, sindacati e governi, con nomi celebri del calibro di George Soros e Steven Spielberg. Due terzi dei soldi raccolti (2 miliardi) sono andati alla Clinton Foundation, organizzazione umanitaria impegnata in tutto il mondo, […]

  

Svolta comunista per New York?

Un po’ di numeri possono servire a capire meglio cos’è New York: con 8,4 milioni di abitanti (il 37,2% dei quali nati da genitori stranieri) è la città più popolosa degli Stati Uniti. La Grande mela non è solo Manhattan, la lunga e stretta striscia di terra che si estende tra il fiume Hudson e l’East River. Comprende anche altri distretti (borough): Bronx, Queens, Brooklyn e Staten Island. Ed è anche grazie a questi che ha vinto Bill De Blasio, il 52enne italo-americano che, con il 73% dei consensi, ha stracciato il rivale repubblicano Joseph J. Lhota. La vittoria a […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019