Obama e la vedova di American Sniper

US President Barack Obama participates in a live town hall event with CNN's Anderson Cooper on reducing gun violence in AmericaObama_lacrime

Dopo la firma del decreto per cercare di limitare le armi e le pesantissime critiche ricevute dai repubblicani, Barack Obama passa alla controffensiva mediatica, con interventi su radio, tv e giornali. Durante un dibattito organizzato dalla Cnn il presidente ha detto a chiare lettere che sua moglie Michelle non esiterebbe a comprare un’arma se invece che a Chicago, o alla Casa Bianca, la sua famiglia vivesse in campagna. Al di là della battuta a effetto (e della captatio benevolentiae) l’intento di Obama è quello di convincere gli americani che lui non ha intenzione di togliere loro il diritto di possedere armi, […]

  

Obama: ascoltare di più chi difende le armi

Non è una marcia indietro ma poco ci manca. Barack Obama porge il ramoscello d’ulivo alla lobby delle armi. Lo fa per evitare il muro contro muro coi repubblicani in vista di un accordo sul debito al Congresso. Pare che a consigliargli una linea più mordbida sia stato Bill Clinton. “A Camp David spariamo – dice Obama – facciamo sempre il tiro al piattello. Ho grande rispetto per le tradizioni di caccia del paese”, dice il presidente in un’intervista a The New Republic. E a chi chiede con insistenza più controlli per le armi Obama lancia un messaggio: “Qualche volta […]

  

Le stragi e il Secondo emendamento

Dopo la strage del Connecticut, che ha causato la morte di ventisette persone (tra cui 20 bambini tra i sei e i sette anni), negli Stati Uniti si è subito riaccesa la discussione sul diritto di possedere armi. Diritto che, com’è noto, è sancito dal Secondo emendamento della Costituzione, risalente al 1791. Ne ho parlato in questo articolo su il Giornale.it. Le tesi sono sostanzialmente due: c’è chi dice che, essendovi troppa criminalità, e soprattutto troppe stragi, è fondamentale adottare norme più restrittive per limitare il numero di armi presenti nel Paese. Dall’altra parte vi sono quelli che sostengono che […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019