Siria, solo un avvertimento da Trump

Donald TrumpU.S. Missile Strikes Strike Targets Linked To Chemical Attacks In Syria

Chi pensava allo scoppio della terza guerra mondiale potrà dormire sonni tranquilli. La missione delle forze Usa dispiegate in Siria “non è cambiata” e il presidente americano Donald Trump vuole che “rientrino appena possibile”. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders. Precisazione che giunge come una risposta indiretta all’intervista in cui il presidente francese Emmanuel Macron aveva dichiarato di aver “convinto gli Usa a restare” in Siria fino “alla fine del lavoro”. La Casa Bianca tiene a precisare di non volerne sapere, e ribadisce che la priorità non è cambiata: “Siamo determinati a sradicare completamente l’Isis e […]

  

Trump all’attacco

trump_annunciosiria_mappa_attacchi

Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno lanciato decine di missili (almeno più di cento) contro obiettivi militari in Siria. È la risposta all’attacco chimico del 7 aprile a Douma, che il regime di Assad ha sempre negato di aver compiuto. Il raid aereo ha colpito un sito di ricerca a Damasco, che si ritiene possa essere legato alla produzione di armi chimiche, un deposito di armi chimiche a ovest di Homs e una base militare siriana sempre vicina a Homs. Prima dell’attacco Russia e Iran, alleati di Damasco, sono stati avvertiti. Durissime le parole usate da Trump nel dare […]

  

La guerra inizia con un tweet

Siria, Donald Trump incontra dirigenti militari alla Casa Bianca a Washington

Nessuna sorpresa. Trump ama comunicare con il mondo in modo immediato, attraverso Twitter. L’ultimo messaggio che ha lanciato, alle 7 del mattino (ora di Washington) è un  chiaro avvertimento: “La Russia promette di abbattere tutti i missili sparati in Siria. Preparati Russia, perché arriveranno, saranno belli e nuovi e intelligenti. Non dovreste essere alleati di un animale che uccide il suo popolo e se la gode”. Russia vows to shoot down any and all missiles fired at Syria. Get ready Russia, because they will be coming, nice and new and “smart!” You shouldn’t be partners with a Gas Killing Animal […]

  

Trump: “Animale Assad”

trump_siriatweet_trump_obama_siria

Donald Trump non si è certo trattenuto nel tweet in cui ha parlato dell’ultimo attacco in Siria, a Douma, in cui hanno perso la vita almeno 100 persone. Il presidente americano ha parlato di “insensato attacco chimico”, che ha fatto “molti morti, incluse donne e bambini”. Ed ha puntato il dito contro Mosca: “Il presidente Putin, Russia e Iran sono responsabili per il sostegno all’animale Assad. Ci sarà un alto prezzo da pagare”. Trump ha poi esortato ad aprire la zona “immediatamente ai soccorsi e alle verifiche”. Ed ha concluso così: “Un altro disastro umanitario senza motivo”. Parole durissime, in […]

  

Trump: Assad è un animale

EXC TRUMP LEADS A STRATEGIC AND POLICY CEO DISCUSSIONMattis_Votel

Non ha usato giri di parole Donald Trump per definire il presidente siriano Bashar al-Assad. In un’intervista a Fox Business Network (leggi) il presidente è tornato sull’uso di armi chimiche da parte del regime di Damasco. “Quanto tu fai cadere gas, bombe, barili-bomba in mezzo alla gente, quando vedi bambini senza braccia, senza volto e gambe… questo è un animale”. Trump ha però assicurato gli americani: niente boots on the ground, almeno per ora. “Non entreremo in Siria, ho fatto che quello che avrebbe dovuto fare l’amministrazione Obama molto prima di me e tutto sarebbe stato meglio, credo che la Siria sarebbe […]

  

La svolta di Trump

trump_parlaattacco_usa_siria

Donald Trump ha battuto un colpo (decisamente forte) per far sentire al mondo che l’America c’è, che non si è ritirata entro i propri confini, e non intende restare a guardare quello che accade senza dire la propria. Basta con la linea soft, quella che si traduceva con lo star fuori dal conflitto in Siria. Una strategia che, di fatto, aveva consegnato le chiavi di Damasco alla Russia e all’Iran. Ora l’America, sostenuta e supportata da Israele, vuol tornare a giocare un ruolo di primo piano nello scacchiere mediorientale. L’attacco missilistico contro il regime di Bashar al Assad segna una […]

  

Obama, l’Isis e l’islam

Obama1Obama2

In un discorso in diretta tv alla nazione Barack Obama ha confermato la propria strategia nella lotta contro i tagliagole dell’Isis: raid aerei, droni e forze speciali sul terreno (non truppe), ribadendo che gli Stati Uniti non si faranno “trascinare un’altra volta in una guerra lunga e costosa sul terreno”. Il riferimento è a quanto fece l’amministrazione di George W. Bush nel 2001 per l’Afghanistan e nel 2003 nell’Iraq. Ma giova ricordare che è stato proprio il ritiro delle truppe Usa (nel 2011) a favorire l’avanzata dell’Isis. Obama tenta di rassicurare l’America dalla minaccia del terrorismo dopo l’attentato di San Bernardino (California). […]

  

Partita a scacchi in Siria

aereo_abbattutoErdogan_ObamaPutin

L’abbattimento del Sukhoi 24 russo da parte degli F-16 della Turchia rischia di essere come l’attentato di Sarajevo contro l’arciduca Francesco Ferdinando, che nel 1914 fece da detonatore allo scoppio della Prima guerra mondiale. Mai come in questi casi è necessario mantenere la lucidità. La Turchia ha consegnato al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, e ai cinque membri del Consiglio di Sicurezza del Palazzo di Vetro, una relazione scritta su quanto avvenuto. Si tratta del primo abbattimento di un aereo russo da parte di uno Stato membro della Nato dagli anni ’50. Il colonnello Steve Warren, portavoce della coalizione contro l’Isis […]

  

Usa, braccio di ferro sui profughi siriani

Anti-Assad regime demonstrators mark third anniversary of Syrian revolution at Washington rallySpeaker of the House Ryan comments on immigration and Syria

Dopo la rivolta di diversi Stati (più della metà) la Camera dei Rappresentanti Usa ha approvato un provvedimento che blocca il programma di accoglienza di 10mila rifugiati siriani. A votare a favore, sfidando la minaccia di veto di Obama, tutti i deputati repubblicani e 47 democratici. Per diventare legge serve ora il via libera del Senato. Ma, al di là di come andrà a finire, il passaggio bipartisan alla Camera, con il voto di un nutrito drappello democratico, segna una dura sconfitta per la Casa Bianca. Obama incassa il colpo e rilancia: “Zero è il numero dei rifugiati siriani ricollocati negli […]

  

Isis, la svolta tardiva di Obama

Turchia, al via il G20 ad AntalyaNyt_16_11_15

Anche la stampa Usa vicina alla sinistra ora lo dice: bisogna fare di più. Gli attentati di Parigi impongono a Obama di tirare fuori i muscoli contro i tagliagole dell’Isis. Il New York Times sottolinea come gli attentati di Parigi, insieme a quello della scorsa settimana a Beirut e all’abbattimento dell’aereo russo nel Sinai dimostrino come il sedicente stato islamico non sia solo “concentrato sulla conquista di territorio nella propria zona”. Sulla stessa linea il Washington Post, secondo il quale i fatti di Parigi mostrano come l’Isis “sia una minaccia più grave per l’Occidente di quanto l’intelligence e l’amministrazione Obama […]

  

Il blog di Orlando Sacchelli © 2019