Tre previsioni le hanno già azzeccate: la caduta di Salvini, il nuovo governo M5s-Pd, la nascita del partito di Renzi. Questa, si dirà, era facile, ma le altre due? Chi avrebbe scommesso un euro, a giugno, quando le bozze sono andate in stampa, che i carissimi nemici si sarebbero messi insieme? Il quarto vaticinio, una prossima coalizione tra i due Matteo, sembra il più improbabile. Però attenzione, non si sa mai, la politica italiana, come un giallo, è un continuo colpo di scena. La realtà ormai supera la fantasia. Sarà per queste doti divinatorie, sarà perché l’argomento, un noir tra […]