Ma quale razza di nevrosi umana, di incontrollabile sete di dominio, può portare una specie fortunata (che ci sia stato l’aiutino di un dio oppur no) a opprimere tutte le altre? Quale logica folle la porta a devastare il pianeta sul quale vive e prospera, a segare il ramo sul quale siamo tutti seduti? Di esempi sotto i nostri occhi se ne contano a migliaia, anzi a milioni. Non consentono illusioni. Anche quando le notizie sembrano “buone” nascondono un fondo mesto. Contro il quale s’infrange la speranza.

Ultimo esempio è il cambio di rotta della marina militare statunitense, che dagli anni Cinquanta utilizza senza ritegno l’opera preziosa dei delfini per scopi bellici. Esseri formidabili e intelligenti, dotati di un sonar che ne potenzia le capacità, delfini e leoni marini vengono addestrati a rintracciare ordigni e a “sminare” zone infestate dalla guerra (l’apprendistato a San Diego dura sette anni, e si può immaginare quanta violenza sulla natura animale venga dispiegata). La prima volta i cetacei furono impiegati nel Vietnam, ma ancora oggi 120 esseri (80 delfini e 40 leoni marini) sono arruolati per missioni speciali nell’Oceano indiano e in molte acque ritenute “pericolose”. Dal 2017, cioè tra cinque anni, 24 cetacei potranno finalmente essere distolti dal triste lavoro che, inutile dirlo, costa spesso loro la vita. Verranno sostituiti da un sottomarino a forma di siluro lungo circa tre metri, dotato di un sonar potente, ma mai quanto quello dei delfini (“forse la tecnologia non arriverà mai al loro livello”, spiegano gli esperti).

Non solo i cetacei vengono arruolati obbligatoriamente per scopi militari, negli Usa.  Ogni anno circa 342mila animali (primati, cani, maiali, capre, pecore, conigli e gatti) vengono feriti o uccisi in esperimenti militari top secret condotti dalla Difesa americana (fonti Peta). Test il cui costo è stimato in circa 225 milioni di dollari. Tanto, eppure giudicato ancora conveniente. Mentre i 20 milioni l’anno spesi per la cura e l’addestramento dei delfini non lo è più: tutto qui. Civiltà e buonsenso, niente di nuovo sotto il sole (marcio).

Tag: , , , , ,