Asilo Beppuccia

Qualcosa dev’essere andato storto nella villeggiatura di Beppe Grillo, che pure era cominciata felicemente in Sardegna rinviando un appuntamento con il Capo dello Stato (chiesto da Grillo, non da Napolitano, per amor di cronaca e rispetto – univoco – dell’educazione). Il prematuro rientro, l’affaire Berlusconi o un pesto mal digerito devono aver ridestato un gusto (mai sopito) per la carne al sangue. Unito alla crescente insofferenza dei propri scolaretti in Parlamento (per non dire dell’angoscia di vederne alcuni scappare persino per un Letta bis), il Gran Guru della Casaleggio & Associati dev’essersi convinto che gli italiani sentivano la mancanza di […]

  

Il nano del cortile

Nessuno ha voglia dell’intervento in Siria, sia chiaro. Per Obama si tratta di una scelta obbligata, che probabilmente costerà molto agli Usa e alla sua personale immagine, dettata dai gravi errori compiuti in precedenza. Primo dei quali, i due ultimatum lanciati a Bashur Assad sull’utilizzo di armi chimiche, “linea rossa da non oltrepassare”. Visto che il macellaio di Damasco l’ha oltrepassata in (almeno) due occasioni, come restare inermi e non perdere la faccia? Questo è stato il dilemma dell’amministrazione americana, che però sembra ormai decisa a impartire una severa punizione al presidente siriano, stando ben attenta a non lasciarsi trascinare […]

  

L’Autunno arabo

Per favore, che ci sia risparmiata la retorica sull’intervento americano in Siria. Gli alti lai delle menti illuminate che vedono profilarsi un “nuovo Iraq”, il giustificazionismo degli intellettuali e dei politici che debolmente protestano per il mattatoio di Damasco ma che finiscono per sostenere oggettivamente i macellai di Assad. Assad il “chimico”. Di tutta la cosiddetta “Primavera araba” è sfuggito il senso e il pericolo, preferendo tutti gioire della (presunta) ondata di libertà. Al di là e dietro qualche élite di ispirazione filo-occidentale, si è trattato di rovesciamenti dettati da fattori interni e già da tempo sono visibili le forze […]

  

il Blog di Roberto Scafuri © 2018