Il partito? Un taxi che prendo ma non pago

Come nel western-spaghetti che è la nostra politica, ci sono volti in Parlamento che rappresentano le diverse facce della stessa medaglia. Peccato che sia sempre quella di bronzo. Prendiamo il <belloccio> Matteo Richetti, emiliano, renziano d’avanguardia finito a litigare con il premier e dunque in un cono d’ombra,  sia pure attenuato da ampi squarci di luce  televisiva. Si tratta infatti dell’ospite-tipo nel quale t’imbatti a qualsiasi ora, su qualsiasi rete, seduto a qualsiasi talk chiacchiera-e-distintivo (piace da matti alle/ai quarantenni, pare). Il <bruttino> della storiella è invece tal Massimo Florio, deputato astigiano quasi-modello, con l’81 per cento di presenze in aula […]

  

Tutti figli dell’Ulivo

In fondo in fondo non si sa se prendere sul serio l’incontro di Palazzo Chigi tra Matteo Renzi e Romano Prodi. Troppo furbi entrambi per fidarsi l’uno dell’altro. Si dice che il premier abbia tentato di usare lo “specchietto per le allodole” per ridimensionare il peso di Berlusconi, ma non è chiaro se e perché il vecchio Prof si sia prestato a un giochino così manifesto e – per lui – poco dignitoso. Peraltro senza aver ancora digerito lo smacco della <carica dei Centouno>. L’alternativa a questa tesi è che i due facciano sul serio, e in tal caso il […]

  

il Blog di Roberto Scafuri © 2018