Siamo ben povera cosa di fronte alla natura. New York si scopre gigante con i piedi d’argilla, ripetono banalmente i commentatori. Eppure ormai ogni anno un uragano tropicale sale a far visita alle metropoli del Nordamerica. Katrina, Irene, e ora Sandy. Colpa dell’acqua dell’Atlantico, dicono gli esperti, che si fa sempre più calda: effetto secondario, ma di tutto rilievo, del riscaldamento del pianeta che al Polo scioglie i ghiacci e non fa prevedere nulla di buono per il futuro. Il presidente Obama prega e, a uso propaganda, recita frasi di rito: “Prima la sicurezza della gente, delle elezioni ci occuperemo […]