“Vota Alexis vota Alexis” Supercazzola alla greca

E’ l’ultimo ritrovato in fatto di salotti. Una vera chiccheria. Un’idea ardita e seducente che percorre, come l’ennesimo fantasma, l’intera famiglia della sinistra italiana e la induce al brividello in vista delle prossime elezioni europee (che si preannunciano una Caporetto per gli europeisti). Fare di Alexis Tsipras, leader non ancora quarantenne del partito greco Syriza, il candidato transnazionale alla presidenza della Commissione europea. Come dire: visto che gli Euroburocrati affamatori del popolo mediterraneo (e non solo) non sono capaci di creare un’Europa unita, democratica e forte, ci pensiamo noi, lo facciamo noi. Dal basso. Basta che in ognuno dei paesi […]

  

La porta di Brandeburgo

Cerco di non farmi risucchiare mai, in questo angoletto di pensiero, dall’attualità stringente. Ma queste pretese di Monti su Bersani (e Vendola), scusatemi, hanno dell’incredibile. Contengono una volgarità e un’arroganza fuori dal comune, oltre che il vizio tipicamente italiano dell’eccesso di furbizia. Ma, insomma, pensi che Vendola con la sua stessa presenza in un governo lo rovini irrimediabilmente? Pensi che il suo tasso di comunismo lo contamini al punto di non poter fare le riforme? Immagini che sia la paresi politica che ti ha costretto a scendere (salire, chi se ne frega) in campo? Bene, caro professor Monti: non allearti […]

  

I cannibali dell’urna

C’è qualcosa che accomuna, in questa campagna elettorale, tutte le aree politiche. La nascita, si potrebbe dire la ricomparsa, dei “cannibali“. Chi sono i cannibali? Coloro che cercano di cuocere a puntino i partiti “fratelli”, cioè appartenenti alla stessa “famiglia” politica, per fagocitarne gli elettori. L’assalto di Ingroia a Vendola (qualche dirigente compreso) è il fenomeno più visibile. Ma in piccolo la “Sorella d’Italia” Giorgia Meloni, a Roma, cercherà di papparsi Storace (osso duro, renderà pan per focaccia). E Monti, caso più articolato e complesso, ha come mission dichiarata di strappare più elettori possibile al centrodestra di Berlusconi (come per Storace, […]

  

A Vendola non resta che il Pd

Avranno pure rottamato qualche vecchio arnese, ‘ste primarie del Pd. Ma non si può negare che siano state una bella dose di Gerovital per un partito nato vecchio, cresciuto malato e fino a pochi mesi fa ridotto in fin di vita. Merito di Bersani e di Renzi: operazione riuscita e miracolo compiuto. In attesa del botto conclusivo, magari di un finale a sorpresa (e se Renzi sconfitto facesse “saltare i giochi”?), il secondo movimento in atto sul quale interrogarsi riguarda la sinistra di Vendola. Con il Pd in salute a Palazzo Chigi, gli spazi d’opposizione radicale occupati da Grillo (che […]

  

La sinistra mistica

Mao no: è morto. Marx avrebbe richiesto studi approfonditi. Non dico Che Guevara, ma che almeno uno dei “Fantastici (?) Cinque” delle primarie di centrosinistra si ricordasse di Sandro Pertini o Riccardo Lombardi, di Vittorio Foa o Pietro Ingrao nel proprio Pantheon sarebbe stato doveroso. Capisco la voglia di adeguarsi ai tempi, capisco che alcuni di questi nomi dicano poco o nulla ai giovani, eppure per partiti che si definiscono (ancora) formalmente di sinistra o centro-sinistra sarebbe il minimo sindacale. Costi quel che costi. Antonio Gramsci o Enrico Berlinguer, Pietro Nenni o Martin Luther King, Bob Kennedy o Willy Brandt […]

  

Quant’è sexy sfasciare il Pd

Raramente i contemporanei hanno piena percezione di ciò che accade. Capita oggi con il sistema dei partiti della cosiddetta Seconda repubblica, notoriamente imperniata sull’esistenza di Berlusconi in politica, e ora costretto alla totale ristrutturazione che si compie sotto i nostri occhi. Ma se è facile collegare all’uscita di scena del Cavaliere al marasma del Pdl, la cronaca spicciola confonde le idee sul “fine corsa” di Antonio Di Pietro. Che deriva anch’esso dalla stessa imprescindibile inutilità politica adesso che non vi è il nemico da combattere. Sono in atto una serie di reazioni a catena, insomma, che spiegano per esempio le […]

  

il Blog di Roberto Scafuri © 2019