La svolta filo-russa del Movimento 5 Stelle

IMG_0448

Da italiani, la russofobia lascia il tempo che trova di fronte ad un principio inviolabile, quello della realtà. Lo ha ribadito lo stesso Vladimir Putin nel corso della sua recente visita all’Expò di Milano, sottolineando come il nostro Paese rimane il secondo partner commerciale in Europa (dopo la Germania) e il quarto a livello mondiale. Nel 2013, infatti, l’Italia esportava nella Federazione Russa per 10,4 miliardi di euro (fonte), ma quando sono state ratificate le sanzioni, il commercio tra i due è diminuito del 20 per cento (mentre il commercio tra Usa e Russia è aumentato del 15 per cento!). […]

  

#JeSuisBikini, ora lo scontro di civiltà è femmina

CK98NC3UwAEewRO

Sia Le Monde che Libération hanno reso noto in questi giorni che la magistratura francese tende ad escludere un movente religioso alla base del pestaggio che ha vista coinvolta la 21enne Angelique Slosse, picchiata la settimana scorsa in un parco della città di Reims soltanto perché prendeva il sole in bikini. Ad averla aggredita sarebbero state cinque ragazze, di cui due musulmane. “Esposizione del proprio corpo in modo immorale in un luogo pubblico”, pare fosse la motivazione delle aggreditrici. Ma a prescindere che si sia trattato di un movente religioso o meno, da condannare sia chiaro, è interessante notare la reazione […]

  

Giorgia Meloni con lo chador nell’emirato di Giafar “il siciliano”

eRez@imperatore_IMMAGINI_COSA_FARE_Sicilia_Palermo_1129297_La_Cattedrale_la_cattedrale_di_palermo_2_jpg_30730daa0cc01636

Se pesassimo i protagonisti su una bilancia la notizia verrebbe relegata nelle ultime pagine di un quotidiano nazionale. Eppure la querelle tra Angelo Attaguile, leader di “Noi con Salvini” in Sicilia e Giorgia Meloni merita di passare sotto la lente d’ingrandimento. Non tanto per il lancio fiabesco della candidatura di Pietrangelo Buttafuoco per archiviare l’esperienza di Rosario Crocetta, ma per il cretinismo politico e culturale raggiunto dalla segretaria di Fratelli D’Italia che in una nota sulla sua pagina Facebook ha rigettato la proposta ritenendo una cattiva idea candidare alla guida dell’isola una personalità che ha deciso di convertirsi all’Islam. “Credo […]

  

L’Eid, quella festa di fine Ramadam che sfida il terrorismo

11756553_1015295391838656_1953986162_n

Nel Corano non appare solo Gesù Cristo, adoratissimo profeta per i musulmani, ma anche l’Arcangelo Gabriele, che nell’immaginario islamico rivela a Maometto la “retta direzione e la via della salvezza”. Teologia vuole che a celebrare l’annuncio della rivelazione sia un digiuno (sawm) di una trentina di giorni, il Ramadan, durante il quale tutti i fedeli hanno il dovere morale di astenersi – dall’alba al tramonto – dal bere, mangiare, fumare e dal praticare attività sessuali. Un rituale che non si allontana tanto dalla Quaresima cristiana, quei quaranta giorni che precedono la morte in croce e che ricordano i quaranta giorni trascorsi […]

  

Nucleare, io non ho paura dell’Iran

Schermata 2015-07-15 a 09.48.44

“È un accordo di portata storica. Il fatto che sia avvenuto con il benestare dell’America nonostante le dichiarazioni rabbiose di Israele, vuol dire che anch’essa vuole dare una svolta alla sua politica estera in Medio Oriente. Non sempre gli Stati Uniti ragionano in maniera monolitica, lo abbiamo potuto verificare con la crisi siriana, c’è una parte che rema in una direzione, e un’altra parte legata ad alcune lobby che invece va dall’altra parte. Così è avvenuto anche per l’accordo sul nucleare”. Così Federico Capnist, giornalista del quotidiano online L’Intellettuale Dissidente, ha commentato ai microfoni di IRIB, la radio in lingua […]

  

Così l’Occidente sorge e tramonta ad Atene

Schermata 2015-07-13 a 12.05.07

Il premier greco Alexis Tsipras aveva giocato una partita di scacchi perfetta. L’alleanza trasversale con Anel (destra anti-euro) dopo la vittoria alle elezioni politiche, la nomina alle Finanze di un engagé irriducibile e scostumato come Yanis Varoufakis, i rapporti costanti con la Russia di Vladimir Putin, infine la decisione di far scegliere al popolo ellenico se accettare o meno le misure draconiane imposte da Bruxelles. Dopo i colloqui iniziali però sono arrivati i primi passi indietro che in politica si chiamano umiliazioni. E per quanto possano essere personaggi freddi, i burocrati di Bruxelles, rimangono degli esseri umani in carne ed […]

  

Oltre l’anti-germanismo, per un asse Roma-Berlino-Mosca

Schermata 2015-07-08 a 13.09.19

La Germania è un Paese schizofrenico. Gli strumenti della ragione non bastano per esaminarla, ecco perché diviene necessario ricorrere a quelli della psicologia. La sconfitta della Seconda Guerra Mondiale ha lasciato in eredità un senso di colpa che induce la classe dirigente e, a sua volta il popolo tedesco, a sentirsi colpevole per tutte le disgrazie del mondo. Per questo motivo, ad esempio, il Paese germanico regala regolarmente armi e sommergibili a titolo gratuito ad Israele. Ad infierire su questo sentimento popolare di “odio verso sé stessi” è una strategia culturale elaborata da una certa intellighenzia, che attraverso la damnatio memoriae […]

  

Rinasce l’Unità, Gramsci ucciso una seconda volta

11390043_846986935388927_1937264299527379653_n

“L’Unità è una storia meravigliosa”, “sarà curioso anche Antonio Gramsci”, “torna una grande voce”, “un punto di vista autorevole”. Con un video semicolto e strappalacrime Walter Veltroni, Dario Franceschini, Pierluigi Bersani e Guglielmo Epifani hanno accolto trionfanti il ritorno in edicola del quotidiano fondato nel 1924 da Antonio Gramsci, all’epoca segretario del Partito Comunista Italiano. Quel giornale operaio divenuto clandestino dopo essere stato messo fuori legge nel 1926 si è trasformato oggi nel foglio del regime pop-dem di Matteo Renzi. Marco Travaglio in un editoriale intitolato “Tutto va ben madama l’Unità” ha riassunto così l’operazione editoriale di Erasmo D’Angelis, nuovo direttore […]

  

Il blog di Sebastiano Caputo © 2018