Un filo sottile lega fotografia ed editoria, restauriamole con una lobby

“Tutta la mia ammirazione per i fotografi che dicono “no” a budget che ritengono offensivi e vergognosi”. Ho letto questa frase scritta qualche giorno fa sulla bacheca Facebook di un’amica che di mestiere fa la photo editor e ho pensato: toh, qualcosa si dice, qualcuno si muove. E’ indubbio che sia stato già ampiamente superato il limite del disagio professionale di chi fornisce immagini soprattutto al settore editoriale. La crisi che ha travolto quotidiani, periodici, case editrici, ricade sui professionisti che ora sono senza referenti, dequalificati, costretti spesso a lavorare sottocosto o gratis. Alcuni commenti sotto evidenziavano la scarsa tutela […]

  

La resilienza dei fotografi

Va tanto di moda, ultimamente, il termine che ho scelto di usare nel titolo di questo post: resilienza. E’ saltato fuori ieri durante una conversazione con un collega fotografo, e di recente l’ho sentito pronunciare in diverse occasioni da giornalisti e politici come se piovesse, come quelle parole che entrano nell’abuso comune e nemmeno si sa il perché e il come sia iniziato. Mi adeguo, e ora lo prendo in prestito io per una riflessione. Secondo l’enciclopedia Treccani indica “la velocità con cui una comunità (o un sistema ecologico) ritorna al suo stato iniziale, dopo essere stata sottoposta a una […]

  

“Il Paese più bello del mondo”, un concorso da non perdere

Vi segnalo un concorso fotografico che non è tra i più rumorosi, ma che vale la pena seguire per la sua serietà. Si intitola “Il Paese più bello del mondo” ed è ispirato a un libro che lo scrittore e fotografo paesaggista Mario Carafòli dedicò a Corinaldo, suo paese natale che oggi lo celebra attraverso questa manifestazione. Vi partecipai anche io qualche anno fa, con discreto successo, ed è uno di quei contest curato da gente perbene (la famiglia Carafòli stessa, tra l’altro), che si preoccupa di restituire puntualmente le opere alla fine dell’evento. Dopo averle esposte in mostra per […]

  

Il blog di Barbara Silbe © 2018