galimbaStasera va in scena lo splendore della storia dell’arte così come lo interpreta Maurizio Galimberti. Il fotografo milanese, instant artist come è più opportuno definirlo e come lui stesso si fa chiamare, in questa parte del suo lavoro si lascia trasportare dal suo innamoramento per i movimenti surrealisti e dadaisti e rilegge le opere di alcuni grandi maestri del passato – Warhol, Goya, El Greco, il Pollaiolo – per una serie inedita in mostra da oggi fino al 26 marzo. E’ ospitata alla galleria DaDAEAST, che celebra anche i quattro anni di attività dello spazio espositivo.

Usa la tecnica di Marcel Duchamp, Galimberti, quella del ready-made che rielabora oggetti ritrovati (vecchie immagini di cataloghi, manifesti, cartoline), trasformati attraverso la sua azione in nuova materia creativa. Noto per la sua lunga ricerca con il mezzo Polaroid, l’autore fa dei veri collage, applica letteralmente sulla prima versione nuovi segni, nuove visioni personali, generando una metamorfosi attraverso, appunto, le Polaroid. L’effetto che ottiene e che ci regala è quello della sovrapposizione, della contaminazione tra passato e presente che introduce al futuro, grazie alle sue continue sperimentazioni che sono vere riscoperte per lui e per chi osserva.

La personale “ReadyMade by Maurizio Galimberti” è a cura di Benedetta Donato. Ingresso libero su appuntamento da martedì a sabato.

Informazioniinfo@dadaeast.it

DaDAEAST, Via Varese, 12 20121
+39 0263793318

Tag: , , , , , , , ,