Sarcosì nella polvere

1

Mercoledì 21 marzo 2018, Primavera –  San Benedetto da Norcia – a Casa Spirlì, Taurianova incorporato da Embedded VideoYouTube Direkt 1) Sarcosì “fermato e interrogato”: non spenderò tante parole per brindare. Quelle che ritengo necessarie e giuste. I giuda finiscono sempre nella polvere. A raccattare briciole di dignità. Di quest’essere vivente resterà, nelle pagine più unte della storia dell’Umanità, la vergogna di aver poppato milioni di dollari da un uomo, Gheddafi,  che, poi, ha contribuito a far ammazzare. Chissà se, oggi, quel risolino beffardo indirizzato all’Italia lo ha accompagnato nelle ore della sua personale vergogna… (qui) 2) Il Cielo voglia […]

  

Torna a casa a combattere, codardo!

brigbriganteBriganti_1862_from_Bisacciabrigante7

Venerdì 4 settembre 2015 – Santa Rosalia – Redazione SUD, Area industriale Porto di Gioia Tauro (patrioti/briganti del SUD) Ah, dunque scappano dai loro Paesi perché sono in guerra? Abbandonano vecchi e bambini, donne e malati, magari feriti, per venire in Italia, in Europa a cercare fortuna? Rischiano di rimetterci le penne fra le onde del Mediterraneo, chiusi come pescato fresco nelle stivazze di barconi fatiscenti, dopo essere stati frustati e mortificati nell’anima e nelle carni in quel cesso che è diventata la Libia dopo Gheddafi, solo per allontanarsi dalle famiglie destinate a morte sicura? Ma che campioni di coraggio! […]

  

Sbarchi continui. L’Europa tace. In Italia si delira.

Lunedì  28 luglio 2014 – S. Innocenzo – Redazione SUD, Area Industriale Porto di Gioia Tauro Sembrava l’ultimo sbarco, quello del 23 luglio scorso a Reggio Calabria, ma non è così. Non c’è fine agli arrivi via mare. Quel giorno furono quasi seicento, ma sulle coste calabresi di barconi carichi di siriani e non solo ne arrivano a decine al mese. Nel silenzio di tutti. Almeno così ci dice una talpa degli uffici che sanno. “Per evitare casini vari, si tende a farli sbarcare en cachette. Segretamente tutto funziona meglio. Arrivano, toccano terra, si allontanano dalla spiaggia e, con l’uso degli […]

  

Stanchi di guerre

Martedì 15 luglio 2014 – San Bonaventura – Redazione SUD, Area industriale Porto di Gioia Tauro Basta! Non ne possiamo proprio più. Sono decenni di guerre non nostre che ci stanno stremando, sventrando, annichilendo l’anima. Guerre sparse che, sommate, fanno la Terza Mondiale. Quella che tutti temiamo, e che è in atto dalla non fine della vergognosa Seconda. Mascherata da Pace, ma inesorabilmente guerra. Con carnefici e vittime. Spesso innocenti. Come le migliaia di africani che muoiono ogni giorno per frange di guerra mondiale che tutti definiscono, invece, guerre tribali. Bambini e donne, giovani uomini e anziani vengono mortificati dal […]

  

L’arrogante Ccermania vuole invadere l’Italia. Ma…

Venerdì 4 luglio 2014 – Santa Elisabetta – Redazione SUD, Area Porto Gioia Tauro E, dopo Berlusconi, i tedeschi aggrediscono Renzi. Quel vizio non lo perderanno mai. Sentirsi i primi della classe. Quella stucchevole aria da saputelli ha cominciato a scocciare e a innervosire. Abbiamo capito che, per questi antipaticissimi consumatori di patate bollite e salsiccioni pornomorfi, noi “europei” dovremmo essere tutti schiavi della loro mai sopita voglia di Terzo Reich. E, qui, un vaffanculo ci sta proprio tutto. E’ di un mese fa la mia visita alla capitale della CCermania. Berlino è una città di indubbia bellezza. Ma l’aria […]

  

Rimpiangere Gheddafi

Domenica 15 giugno 2014 – Ss. Trinità – Taurianova, a casa di Mamma E bravo Sarkozy! Non solo ridacchiavi con la Kulona alle spalle dell’Italia, ma sei riuscito a trasformare il bacino del Mediterraneo in una morgue. E il Canale di Sicilia in un cimitero di morti senza nome. Hai dimostrato quanto poco cervello contenesse quella zucchina vuota che separa le tue orecchie. Eh già, ex presidente, ex marito, ex stratega Sarkozy: hai pensato di fortificarti e assicurarti un altro mandato bombardando la Libia, fino ad ucciderne il Capo storico. E, invece, no. Sei rimasto al palo, e, forse, nemmeno […]

  

Il blog di Nino Spirlì © 2019