Ma quali migranti? Sono invasori!

27857836_1017013581770124_7986127651620488651_n

Sabato, 21 settembre 2019 – senza santi in paradiso – da Casa Spirlì, in Calabria Senza Matteo Salvini al Viminale, l’invasione programmata dell’Italia è una pietanza servita calda a colazione, pranzo, merenda e cena! E a ordinarla ai nostri nuovi vecchi caporali, a danno della salute del Popolo Italiano tutto, sono Macron, che mente sui sondaggi/gradimento e fa finta di piacere ai francesi (che lo odiano), la Merkel, che manda a Roma il suo presidente di facciata mentre lei trama (e trema) nell’ombra, e quei buontemponi freschi di nomina di Brussèl e Strasburgo, che si impongono agli europei sommando, a […]

  

Macron, le mamme assassine e altra spazzatura della settimana

B macronbonino

Domenica 18 novembre 2018 – San Noè, Patriarca – da Casa Spirlì, in Calabria 1) Sberle sonore, per macron,  il fighetto dalla culotte confusa. Sotto le finestre dai tendaggi arcobaleno del Palazzo dell’Eliseo, c’è una Francia che lo manda a fare in culo e gli fa andare di traverso “lo zuppone di latte normanno e biscuit impastati in casa da nonna papera. Il ghigno beffardo del pollastro franzoso si è trasformato, nelle ultime settimane, in una sorta di maschera di dolore da supposta infilata su per le ampie stanze di ricevimento. A parlar male dell’Italia, caro micròn, si finisce veramente […]

  

Il fighetto Macron? Un Renzie Suzette!

1Emmanuel-Macron1le-pen-fabbrica-operai-303x1661

Martedì 2 maggio 2017 – Sant’Atanasio – riscaldato dal tepore primaverile, a casa, in Calabria E mentre Emmanuel Macron, con la sua mammoglie, si imbalsama e si improfuma con gocce speranzose di “Coty d’Elysée”, la ruvida e combattiva Jeanne d’Arc 2.0, Marine Le Pen, colleziona applausi e pacche sulle spalle da operai, massaie, pescatori, borgatari e contadini. Non è chiaro se la figlia venuta bene del vecchio venuto male diventerà o no la Prima Presidentessa della Republique Française, ma è certo che i “suoi numeri” non sono quei pochi che certa stampa cretina italiana continua caparbiamente, stupidamente, stronzamente, ad attribuirle. Già! […]

  

Il blog di Nino Spirlì © 2019