Nessuna pietà. O è peccato?

romdoc3_html_69026b641

Martedì 12 gennaio 2016 – san Modesto martire – Redazione SUD, Zona industriale Porto di Gioia Tauro Non è così semplice, essere “razzisti”. Non è che una mattina ti svegli e non sopporti più metà dell’Umanità, che so, per il colore della pelle, la religione praticata, il credo politico, la scelta di vita. Non è che sei zingaro e ti odio perché vivi nelle roulotte o nelle baracche; sei negro e ti schifo perché “la pelle nera puzza per natura”; sei islamico e ti vorrei vedere ardere perché non credi nel mio, di Dio; sei americano e ti vorrei morto […]

  

Elena Ceste, morta di scoop!

Venerdì 21 novembre 2014 – Presentazione Beata Vergine Maria – A Taurianova E’ da quando la televisione si è accorta della sua scomparsa che Elena Ceste è morta. Fatta a pezzi, sezionata, frammentata, tritata. L’hanno passata ai raggi, ai contrasti, dentro il tubo della TAC. L’hanno appesa, crocifissa, bruciata come una strega. Offesa come moglie, donna, mamma, cittadina. Le hanno devastato i figli. Sventrato la madre. Umiliato il babbo. Condannato il marito. Affibbiato amanti su amanti. Ci hanno fatto ingoiare ore e ore di finti messaggi, presunte ciattate, doppiaggi di fantomatiche telefonate. Sappiamo tutto delle brume dell’astigiano, dell’umidità di quell’aria, […]

  

Zingari. Gli intoccabili del Terzo Millennio.

Venerdì 11 luglio 2014 – Santa Olga – Roma “Prossima fermata, Repubblica – Teatro Opera – Uscita lato destro” La fine di un incubo. Mica per la calca. O per il caldo. No, no. Per la destabilizzante presenza di quelle figurine che, con occhio furbo e mano lesta, aspettano che tu ti distragga. E ti salano. Via il portafogli, o la borsa, un orologio, una catenina d’oro, un cellulare. E l’anima. Sì, perché quella te la danni a pensare male, augurando a quella teppaglia ogni male possibile. Chi sono? Gli innominabili. Quelli che se, poco poco, ti azzardi a chiamare […]

  

Quando l’Italia era degli italiani

Giovedì 17 ottobre 2013 – San Rodolfo – Taurianova Già! Quando il nostro Paese sapeva di tagliatelle alla bolognese, polenta e osei, gattò di patate, melanzane ripiene, sarde a beccaficu… Quando per le strade si sentiva una sola lingua, magari colorata da qualche termine in dialetto. Quando, dopo le prime diffidenze, la figlia del parùn sposava il terrone e dava vita alla nuova razza italiana. Da Unità d’Italia vera e non commissionata. Quando l’automobile era Fiat e la moto Piaggio. La crema Nutella di nocciole Piemonte e la bevanda il Chinotto. Non è mica preistoria. Sono gli anni in cui […]

  

Il blog di Nino Spirlì © 2019