Giuseppina Ghersi martire mille volte

1giuseppina_011giuseppina ghersi-381-U260134447555S1B-U260139673461NfB-120x179@IlSecoloXIX-Nazionale

Domenica 17 settembre 2017, Santa Ildegarda – a Casa Spirlì, in Calabria (Una martire fra i suoi carnefici) Altro che legge fiano! Il Mea culpa dovrebbero approvare in Parlamento!!! Sono settantadue anni che aspettiamo la verità su certe squadracce partigiane e certa feccia marocchina che, a guerra finita, hanno fatto carne di porco di bambine, donne, ragazzi… E non solo torturando e ammazzando. Più satanicamente, stuprando e occultando le proprie colpe! Macigni che avrebbero distrutto qualsiasi essere UMANO. Ma, di umano, quei porci sanguinari non ebbero nulla. Né prima, durante il Ventennio, quando se ne stettero nascosti come serpi d’inverno, […]

  

Mussolini, rispettiamo il dolore. In silenzio.

Sabato 15 marzo 2014 – Santa Luisa – Piana di Gioia Tauro Non leggo volutamente i post diffamatori sui social network e, di conseguenza, non rispondo né in bene né in male alle provocazioni. So quanto possa essere deleterio, perché la risposta costringe a reagire. In difesa o per continuare ad accusare o ad offendere. Dunque, desisto. Leggo troppo spesso, però, in questi giorni, il cognome Mussolini e mi addoloro, perché immagino che sia in atto una sorta di rivalsa dell’esercito dei frustrati. La aspettano da decenni, la rivalsa, per infangare “quel cognome”, nonostante piazzale Loreto. Anche lì lo fecero. […]

  

Ma il Cavaliere non si arrende!

Venerdì 2 agosto 2013 – San Gustavo – Reggio Calabria Non ce l’ho fatta. Ho dovuto aspettare qualche ora. Cestinare tre o quattro tentativi di scrittura. Raccogliere le idee, che si erano confuse, intrecciandosi. Impormi una lunga passeggiata al mare e un’uscita fra gli amici più cari. Una fetta di anguria fresca. Finalmente, eccomi. A raccontare di un uomo di 77 anni che non molla. Alla faccia di tutta la (de)generazione di scrittori da socialnet che si è scatenata contro il mostro apparentemente decapitato. No, cari. Avete sperato e scritto troppo precipitosamente. Il vostro caimano è vivo e sta bene. […]

  

Il blog di Nino Spirlì © 2019