Tonino rispedisce Veltroni sul bus… contrordine compagni

Tonino Di Pietro parla (anzi insulta e grilleggia…) e Walter Veltroni si adegua e gli corre dietro (leggi l’articolo di Laura Cesaretti). Già, Tonino da Montenero detta la linea al Pd dopo aver sfondato la Maginot elettorale del “dialogo” con il Pdl su cui si era attestato il solitario Veltroni… E’ bastato poco per cambiare tutto. I sondaggi affondano il Pd, Massimo D’Alema lancia “Red” (prototipo di partito… casomai servisse, o correntone del Pd che invece serve subito) e i suoi si smarcano, almeno a parole, da Di Pietro sul terreno delle intercettazioni e della giustizia. Così Veltroni combatte su […]

  

Per Walter avviso di sfratto. Resisterà all’assedio?

 In politica tutti nodi vengono al pettine, dopo le sconfitte elettorali. Ma il sogno di Walter Veltroni, creare un grande partito di centrosinistra, scommettere sul bipolarimo, tagliare fuori la sinistra radicale (che è riuscito a estromettere dal parlamento anche grazie al voto degli italiani) appare in questo momento davvero un sogno. La verità è che Veltroni è sotto assedio, e a circondare il fortilizio del loft sono proprio molti dei suoi: a cominciare da Massimo D’Alema per finire al “silente” (troppo…) Romano Prodi. E a dargli un avviso di sfratto di sfratto in modo diretto è Arturo Parisi, l’inventore dell’Ulivo: […]

  

L’autunno caldo di Walter. Dì la tua

Tanto tuonò che piovve, sul Partito democratico e sul suo leader dimezzato Walter Veltroni. Già, perché le rese dei conti, nella sinistra… ma anche nel centrosinistra, si consumano con calma, secondo un rito vecchio che ha alle spalle decenni di scuola comunista e democristiana. Stretto fra l’offensiva di Massimo D’Alema e della sua fondazione (corrente?), tra l’idea di ritorni ulivisti (per alleanza allergate, acnora alla sinistra), tra il nodo delle elezioni Europee e niet preventivo della Bindi al tentativo di “abbraccio” con Casini e l’Udc, tra il secco e ribadito addio di Prodi alla presidenza del Pd e il nodo […]

  

Walter e il loft degli amici nemici. Cattolici contro radicali

Il Pd sfoglia la margherita, dunque, nel senso che in casa Veltroni tira aria di lite che potrebbe sfociare prima o poi in separazione. Già, fra le anime diessina e teodem i rapporti non sono proprio idilliaci. Dopo l’anatema dei cattolici contro la “contaminazione” dei pannelliani, le dure critiche di “Famiglia Cristiana” e della solita Binetti a cui si aggiunge l’ex ministro Fioroni (infuriato) che dice “il loft? sembra di stare a Teheran…”, la frenata sull’adesione al Partito socialista europeo, la strada per Veltroni è ancora più in salita. Da un lato c’è il governo Berlusconi che piace sempre di […]

  

il Blog di Alberto Taliani © 2018