La piazza è la stessa, il rituale e le facce pure. A piazza Navona è andato in scena il Girotondo 2, sequel del Girotondo 1, ma il regista è diverso: non c’è più Nanni Moretti, sostituito da Antonio Di Pietro. Il copione è lo stesso, anche se è stato arricchito da una carica di odio e volgarità mai vista prima: così il No Cav Day si è trasformato nel Turpiloquio Day.

Vabbè, direte, con Grillo e la Guzzanti cosa c’era da aspettarsi? Era tutto già detto prima, già scritto, già annunciato: il “Caimano” e Napolitano, il Papa e la Carfagna, Veltroni e il Pd… Dov’è la notizia? Gli psico-comici hanno recitato fino in fondo la loro parte da avanspettacolo della politica, combattono la loro guerra (in) civile fino in fondo e con loro i soliti noti che attaccano Berlusconi per abbattere la sinistra.

Già, perché la notizia vera è proprio questa: in piazza Navona è andato in scena un capitolo (e non sarà l’ultimo) dello scontro violento e trash “fra le sinistre”, quella della piazza contro quella riformista. Uno scontro per l’egemonia, che sfrutta la debolezza (oggettiva) di Veltroni e del Pd nel chiudere definitivamente le porte alle estreme (cosa che invece riuscì benissimo al monolitico Pci). La deriva neo qualunquista, giustizialista, post sessantottina rischia così di diventare una Waterloo per Veltroni e i suoi (leggi il commento di Pietrangelo Buttafuoco sul “Giornale”). Sono loro ad essere “processati” in piazza (nello stile della rivoluzione dei cento Fiori maoista). Così, come scrive Filippo Ceccarelli su “Repubblica”, “addio politica allora, addio opposizione, addio civiltà e addio a tutti”. E Di Pietro? Lui vuole “impallinare” Berlusconi (dice)… ma anche Veltroni e quel che resta della volontà di dialogo tra Pd e Pdl, altro che distinguo e presa di distanza dagli attacchi a Napolitano, gli psico-comici hanno recitato con lui, in piazza, così come i sessantottini radical chic… se questi sono valori…

Ora non resta che aspettare. Che cosa? Ma che Veltroni (definito da Grillo: “Topo Gigio” e su questo Tonino ha taciuto) finalmente invece di “dire”, “faccia”, qualcosa di riformista: ha avuto 12 milioni di voti (e li ha chiesti) proprio per questo. O no? Faccia la sua parte perché questa eterna guerra (in)civile finisca una volta per tutte.