Il mio post di ieri terminava così: “Ora non resta che aspettare. Che cosa? Ma che Veltroni (definito da Grillo: “Topo Gigio” e su questo Tonino ha taciuto) finalmente invece di “dire”, “faccia”, qualcosa di riformista: ha avuto 12 milioni di voti (e li ha chiesti) proprio per questo. O no? Faccia la sua parte perché questa eterna guerra (in)civile finisca una volta per tutte”.

Non amo le autocitazioni, ma stavolta c’azzecca, visto che in serata Veltroni, dopo un’ultima chiamata-ultimatum (“Dica se sta con travaglio e Grillo o con il Pd”), ha deciso di varcare il Rubicone e rompere con Di Pietro dopo che il leader dell’Italia dei valori gli ha mandato subito a dire: “Io non rinnego nulla di quella piazza”. Veltroni tira su il ponte levatoio del Loft e si prepara a difendersi dall’assalto del fronte interno. Già, perché dopo il “No Cav Day” a sinsitra scoppia l’ultima guerra civile (leggi l’articolo di Luca Telese). Si ripropone insomma, sia pure su toni e contenuti diversi, l’ennesimo scontro tra riformisti e massimalisti e in palio ci sono leadership e malloppo elettorale, i voti girotondini e movimentisti, la “chimata alle armi” dell’elettorato della sinistra sparito dal parlamento… le elezioni Europee a primavera. Di Pietro non fa, per ora, passi indietro perché ha capito bene che gli conviene nuotare nel mare magno delle pulsioni e delle tensioni di un elettorato di sinistra irriducibilmente antiberlusconiano e spera, in più, di raccogliere anche quel voto di protesta “a prescindere” che ama i toni populistico-giustizialisti e neo qualunquisti anche con venature di destra. Tonino-capopopolo è riuscito a logorare Veltroni, a intaccarne leadership, a chiudere in un angolo il Pd (che al suo interno è diviso fra correnti e gruppi: da “Red” di D’Alema ai Teodem, a Parisi – anche lui non rinnega la piazza – e alla pattuglia dei prodiani-ulivisti. A proposito, com’è assordante il silenzio di Prodi su piazza Navona…).

Insomma, per Veltroni la strada resta stretta: sul fronte moderato ci sono Casini e i socialisti, sulla giustizia i Radicali che non la pensano affatto come Di Pietro. Ci sarà dialogo? Ci sarà più centro e meno sinistra? Una cosa è certa. La guerra sarà lunga e aspra, ed è solo all’inizio. Vedremo come finirà. Walter ha fatto qualcosa di riformista, finalmente. In fondo, parafrasando Massimo D’Alema, un Paese normale ha bisogno di un’opposizione normale. Ma reggerà all’assalto? Già, perché qualcos’altro è cambiato nel Pd, almeno io la vedò in questo modo. Di fatto c’è una diarchia D’Alema-Veltroni, confermato dall’apertura palese di Massimo nel dibattito alla Camera sul Lodo Alfano: un sono sì alle riforme condivise con la maggioranza. Apertura che segna l’inizio di una diarchia nel Partito democratico, con D’Alema che parte dettare la linea al partito in cerca d’identità, di autorevolezza e soprattutto di alleati – al centro e a sinistra – sicuramente più affidabili di Di Pietro. Grandi manovre in corso, dunque, se ne saprà di più quando si terrà il congresso.