Antonio Di Pietro è stato iscritto nel registro degli indagati della procura di Roma per offesa all’onore e al prestigio del capo dello Stato. L’iscrizione è un atto dovuto dopo la denuncia presentata dal presidente dell’Unione delle Camere Penali Oreste Dominioni e del vicepresidente Renato Borzone e fa riferimento alla manifestazione tenuta dal leader dell’Idv in piazza Farnese, a Roma, durante la quale fu esposto uno striscione che faceva riferimento a una presunta non terzietà di Napolitano. (Ansa, 3 febbraio).

Aggiornamento *NAPOLITANO/ PM ROMA CHIEDE ARCHIVIAZIONE INDAGINE SU DI PIETRO «Nessuna offesa all’onore e al prestigio del Capo dello Stato» Roma, 13 feb. (Apcom) – La Procura di Roma ha chiesto l’archiviazione dell’indagine a carico di Antonio Di Pietro, per offesa all’onore e al prestigio del capo dello Stato, in relazione all’intervento del leader dell’Italia dei valori del 28 gennaio scorso. Secondo il pm Giancarlo Amato da una «lettura attenta» del complessivo discorso di Di Pietro, va escluso che il riferimento al «silenzio mafioso» abbiano avuto quale destinatario non il presidente della Repubblica ma lo stesso oratore.  «Quanto alle espressioni che certamente sono state rivolte al residente Napolitano, dovendosi esse inquadrare nell’esercizio del diritto di critica che è consentito anche neiconfronti delle più alte cariche dello Stato se espresso in forme continenti (qui senz’altro ravvisabili), nessuna offesaall’onore ovverso al prestigio del capo dello Stato potrebbe essere ipotizzata».  Così si afferma il pm Amato nellarichiesta di archiviazione dell’indagine a carico di Di Pietro. Secondo l’autorità inquirente è imposssibile «configurare
la fattispecie prevista dall’articolo 278 del codice penale e la conseguente decisione di non richiedere l’appositaautorizzazione prevista» al ministro della giustizia.  Tutta la questione è – secondo gli inquirenti – un «malinteso», che è «verosimilmente insorto per il richiamo al rispettò ed al ‘silenzio’ che figura in entrambe le autonome parti dell’intervento dell’onorevole Di Pietro, da prima  rivolto al presidente della Repubblica, l’oratore ha detto ‘ci possiamo permettere di non essere d’accordo con alcuni suoi silenzi… ma lo rispettiamo, abbiamo il senso delle istituzioni. ‘mentre in seguito – prosegue il magistrato  ormai non più riferendosi al capo dello Stato, si è usata l’espressione ‘lo possiamo dire o no? Rispettosamente,ma il rispetto è una cosa, il silenzio è un’altra: il silenzio uccide, il silenzio è mafioso, il silenzio è un comportamento mafioso. Ecco perché non vogliamo rimanere in silenzio».
La vicenda
Di Pietro 1. È il sequestro in piazza di un manifesto che riportava una scritta critica nei confronti del presidente della Repubblica («Napolitano dorme, l’Italia insorge») a scatenare Antonio Di Pietro a piazza Farnese. Vogliono farci lo scherzetto di piazza Navona ma in una piazza civile c’è tutto il diritto a manifestare?», si chiede protestando per il sequestro del manifesto. In una piazza «può essere accolto chi non è d’accordo con alcuni silenzi» del Capo dello Stato), prosegue. Poi aggiunge: «A lei che dovrebbe essere arbitro possiamo dire che a volte il suo giudizio è poco da arbitro e da terzo». Di Pietro afferma poi che questa critica è «fatta del tutto rispettosamente». Quindi conclude: «Il silenzio uccide, il silenzio è un comportamento mafioso per questo io voglio dire quello che penso».  (Ansa)

Di Pietro 2.  «Mi amareggia molto – dice in una nota il leader dell’Italia dei Valori – per l’oggettiva disinformazione che contiene e perché mi mette in bocca ciò che non ho detto, il comunicato del residente della Repubblica in merito al mio intervento di questa mattina. Ho detto e ribadisco che, a mio avviso, è stato ingiusto e ingiustificato non avere permesso ad alcuni manifestanti i tenere esposto uno striscione non offensivo, ma di critica politica».  «In democrazia – prosegue Di Pietro – deve essere permesso a tutti di avanzare critiche e dissensi. Non ho mai detto che a far togliere lo striscione fosse stata la Presidenza della Repubblica, e non ho mai offeso, né inteso offendere, il Capo dello Stato quando ho ricordato pubblicamente che il silenzio uccide come la mafia, giacché non  a lui che mi riferivo, ma a chi vuole mettere la museruola ai magistrati che indagano sui potenti di Stato».  (Apcom)

Il Tonino-pensiero  è arrivato (forse) alle estreme conseguenze dell’invettiva politica con la frase e il giudizio sul Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano (guarda il video). Dal palco, l’autonominatosi tribuno del popolo lancia il suo atto d’accusa più grave colpendo la più alta istituzione dell’Italia repubblicana… quella parola, “mafioso”, rimbalza e rotola in quella piazza che oceanica non è perché Tonino sta perdendo per strada il suo popolo (dopotutto una questione morale come si è visto esisste anche per lui, il Grande Moralizzatore). Rimbalza fra lo stupore di chi l’ascolta, arriva fino al Colle ma poi ridiscende (accusa rispedita seccamente e duramente al mittente da Napolitano) verso la piazza, rimbalza ancora ed esplode come una bomba impazzita sul palco da dove è partita. In mano a Di Pietro. Che poi fa una goffa, lunare retromarcia, vorrebbe metterci una pezza “ma è peggio del buco” come scrive Antonio Polito sul Riformista.  Di Pietro-Grillo-Travaglio, le madonne addolorate del giustizialismo italiano, del neo-qualunquismo politico in versione aggiornata erano insieme, in quella piazza… giusto così. Gli italiani li hanno visti all’opera, a ciascuno la sua parte nella sceneggiata sul palco di piazza Farnese, Roma, Italia. Il pubblico giudichi. Inutile stavolta spendere troppe parole su Di Pietro e i suoi amici. Una parola invece la vorrei spendere sul Partito Democratico e sul Walter Veltroni: ha già detto per due volte di aver rotto con Di Pietro, poi è andato avanti tutto come prima. Romperà allo stesso modo per la terza volta? O il centrosinistra riformista (ma lo è davvero?) dovrà aspettare che all’alba il gallo canti ancora? Walter avrà finalmente capito, come hanno già capito molti esponenti democratici, che si è avvinto in un abbraccio mortale? Già, perché Di Pietro e i neo-girotondini aspettano le elezioni europee, continuando ad alzare il tiro per prendere i voti proprio al Pd e ai cespugli della sinistra. I conti li faranno dopo…

I COSTITUZIONALISTI: “IPOTIZZABILE IL REATO DI VILIPENDIO” – Leggi
Il demagogo in trappola
di Mario Giordano
Tonino, messia al tramonto tra scandali e parole a vuoto
di Filippo Facci
Il gioco di Tonino è durato poco. L’antipolitica l’ha già scaricato di Paolo Granzotto

E TONINO NON RISPONDE A QUESTE DOMANDE SU NAPOLI