Primarie buone e primarie cattive…

Contrordine compagni, ci sono anche le primarie buone, non solo quelle cattive. Per buone s’intende quelle in cui vincono i candidati del Pd, per cattive quelle invece che vedono come dominus il buon Nichi Vendola, lo scomodo (a corrente alterna, leader di Sinistra e Libertà). Se a Napoli alle primarie per scegliere il candidato alle prossime elezioni comunali vince Andrea Cozzolino, ex bassoliniano di ferro (il Pd non ha certo puntato sul mitico “nuovo che avanza” ma sulla solidità dell’apparato di potere pd con annessi e connessi a livello di gestione del potere) battendo gli altri due piddini Umberto Ranieri […]

  

Ma il Pd esiste ancora?

La confusione è grande, sotto il cielo del centrosinistra e del partito democratico. L’ultima notizia arriva dalla direzione nazionale del Pd dove i veltroniani raccolti nel MoDem prima hanno detto di voler votare contro la mozione del segretario Pierluigi Bersani. Poi il signor ma-anche Walter ha dato il contrordine e i suoi si sono astenuti. E vabbé, si può dire che ci stava nella logica dei fratelli coltelli di sempre (leggi D’Alema-Veltroni). Veltroni si è messo di traverso dopo aver lasciato malamente la segreteria e ha organizzato la “resistenza democratica” contro il segretario che ha strappato un armistizio (l’ennesimo) che […]

  

Marchionne “rottama” anche il Pd?

Altro che i giovani “rottamatori” del Pd (Renzi e compagni per capirci), chi rischia di rottamare davvero il Pd è il combinato disposto Marchionne – Fiom. Ovviamente da versanti contrapposti anche se, alla fine, il risultato potrebbe essere lo stesso. Già, perché la vicenda Mirafiori ha aperto un fronte pericoloso e difficile per il Partito democratico, soprattutto per gli ex Pci-Pds-Ds e per la Cgil. Lo scontro è chi sta con chi: Marchionne e la Fiat o la Fiom, l’ala cigiellina oltranzista dei metalmeccanici? E quanto pesa il ricordo di Berlinguer davanti ai cancelli di Mirafiori e la marcia dei […]

  

il Blog di Alberto Taliani © 2018