Francesca Barra e’, seppur giovane, una affermata e apprezzata giornalista e scrittrice di frontiera ma  il suo nuovo libro ” Verrà il vento e ti parlerà di me ” Garzanti editore e’ Il suo primo  romanzo.

È’ il racconto delle liturgie di generazioni differenti nella rigogliosa terra della Basilicata dove due donne Teresa, l’anziana nonna, e Caterina, la nipote, apparentemente contrappongono le diverse ambizioni delle loro generazioni.

Da una parte Teresa che mai avrebbe abbandonato la propria terra lucana per trasferirsi altrove e dall’altra Caterina, giovane e ambiziosa ragazza , che interpreta il rimanere in Basilicata come se le venissero tarpate le ali.

Questa contrapposizione è solo apparente perché ha come substrato proprio quelle liturgie familiari che si tramandano da generazioni e che rappresentano il momento più alto di una cultura popolare troppo spesso poco riconosciuta; e’ il rito della cucina, anzi del cucinare come forma d’amore per i propri cari.

In questo naturale confronto generazionale tra Teresa e Caterina le antiche ricette fanno da filo conduttore tra un passato che non esiste più ma che ci appartiene in modo profondo.

Andando via dalla propria terra Caterina si rende conto sempre di più che soltanto ritornando in Basilicata riuscirà a ricucire quel legame con se stessa che altrimenti non avrebbe più possibilità di esistere.

Il romanzo di Francesca Barra ci racconta con levità e leggerezza la storia di questo nostro paese facendoci capire, senza metafore, come soltanto il riconoscimento di quel valore profondo delle nostre origini fatte di manualità, cultura e arte ci potrà permettere di superare la crisi di valori che stiamo vivendo e che come diceva Giuseppe Verdi ” tornate all’antico e sarà un progresso”.

 

Tag: , , , , , ,