Gli Arditi ricordati dall’Esercito. Nel silenzio della politica

Talvolta, sempre in sordina, quest’Italia smemorata cerca di onorare i suoi eroi. È successo venerdì scorso a Manzano, piccolo borgo del Friuli orientale. Lì 100 anni fa, ai piedi dell’Abbazia di Rosazzo, dove le colline sono dominate dalle vigne, lungo il sentiero dello Sdricca (in dialetto friulano la “Striscia”), nacquero gli Arditi, il ferro di lancia del Regio Esercito. Sul muro dell’antica caserma, un casolare ormai in rovina, una vecchia targa ricorda “In questa casa il 29 luglio 1917, vennero creati i primi reparti degli Arditi d’Italia, terrore del nemico, eroi di tutte le battaglie”. Quel giorno, per la prima […]

  

“Il Reparto”, l’epopea del IX° Col Moschin

240117-palumbo-il-reparto

Incredibilmente, in quest’Italia stanca, cialtrona e disincantata alcune eccellenze esistono e resistono. Nella ricerca scientifica, nell’industria, nell’arte. Piccole isole di grande energia e valore (giustamente) esaltate dai mass media. Ma non vi sono solo scienziati, ingegneri, creativi, artisti; disperso nei luoghi meno felici del globo opera, lavora, combatte un piccolo mondo militare di cui, invece, si parla e si scrive poco, pochissimo. È la sorte delle nostre unità d’élite, realtà formidabili quanto misconosciute, eppure rispettate, stimate dagli alleati (non sempre molto cordiali) e temute dai nemici (sempre ostili). Nulla di strano. I soldati, quelli veri e seri, sono fastidiosi, ingombranti […]

  

Un film sul comandante Cousteau, “l’acquanauta” politicamente scorretto

th-1

A Genova, sapienti mani stanno restaurando in questi mesi la Calypso, la mitica nave di Jacques-Yves Cousteau. Dopo anni d’abbandono il vecchio dragamine, acquistato nel 1950 da Thomas Loel Guiness — l’uomo della birra scura — e affittato al comandante al prezzo simbolico di un franco all’anno, tornerà a nuova vita. Una buona notizia. La Calypso fu la casa, il laboratorio, il palcoscenico di Cousteau — un personaggio degno del Nemo verniano — e del suo straordinario gruppo di “acquanauti”. Grazie a questa piccola nave, le “pachà” e la sua magnifica squadra navigarono su tutti i mari — per un […]

  

Il blog di Marco Valle © 2018