A questo punto dovrebbero fare una legge apposta per impedirgli di dare nell’occhio. Quando uno come Eldrick , aliasTiger, Woods infrange in un sol botto la barriera del suono dei dieci milioni dollari dovrebbero obbligarlo a tornare alla normalità, a tornare con i piedi per terra. A tornare a chiamarsi Eldrick, il suo innocuo nome di battesimo. Perchè Tiger non è più super Tiger, non è più nemmeno super super Tiger. Perchè per Tiger sono finiti gli aggettivi, le esagerazioni e i paragoni. Vincendo il Tour Championship (257 colpi – 64 63 64 66, ventitre sotto par), quarta e ultima gara dei PlayOffs, Tiger Woods non solo ha posto il suo sigillo sulla prima edizione della FedEx Cup ma ha intascato anche la cifra record di dieci milioni di dollari che spettavano al primo della speciale classifica. Giusto per la cronaca sul percorso dell’East Lake GC di Augusta in Georgia, Woods ha lasciato a otto colpi Zach Johnson (265 – 71 66 60 68) e Mark Calcavecchia (65 66 63 71), a nove Sergio Garcia e a dodici Scott Verplank e Hunter Mahan. Woods ha ottenuto la settima vittoria stagionale, la quarta nelle sue ultime cinque uscite che poi sarebbe anche la numero 61 nel circuito. Nella graduatoria dei vincitori di tutto i tempi ha quasi agguantato Arnold Palmer (62) Walter Hagen (64) Sono ancora lontani, ma non troppo, Jack Nicklaus (73) e Sam Snead (82). E poi? E poi con 1.260.000 dollari intascati nel Tour Championship il leader mondiale ha guadagnato nei sedici tornei disputati nel 2007 già 10.867.052 dollari . Occorre aggiungere altro? Per favore fenomeno Tiger torni a chiamarsi Eldrick, e torni sulla Terra. Con la prima navicella spaziale disponibile.